Gli italiani in crisi non rinunciano al telefonino

News

Presentato l’annuario italiano dell’Istat. Boom di linee mobili attivate ma si conferma il digital divide

Nel consueto annuario statistico italiano, redatto dall’Istat, emerge un paese affaticato, che si sente con le tasce vuote, ma non può fare a meno della telefonia mobile.

I numeri Istat di fine 2006 fotografavano 7,4 milioni di abbonati alla rete fissa, 81,8 milioni di linee mobili (contro i 71,9 all’inizio del 2006), e 73,7 milioni di carte prepagate (in aumento, rispetto ai 65,3 milioni dodici mesi prima). Sono invece circa 11,6 milioni le utenze Internet, diffuse soprattutto nel nord-ovest (3,5 milioni) e nel Mezzogiorno (3,2 milioni).

L’uso del Pc fa soprattutto rima con giovani: il 44,9% della popolazione dai 3 anni in su utilizza il Pc e il 40,2% si collega a Internet. Lo evidenzia il Rapporto Istat. L’uso del pc coinvolge soprattutto la fascia di eta’ tra i 15 e i 19 anni (oltre l’80%); con il crescere dell’eta’ cala l’uso e nella fascia 65-74 anni la percentuale crolla al 9,1%, attestandosi sull’1,9% per i 75 anni e oltre. Nell’uso del pc, si conferma il Digital divide: Nord e Centro rispettivamente 49,5% e 46,9%, il Sud al 37,7%, mentre Internet spopola al Nord e Centro, rispettivamente al 45,0% e 42,9%, e al Mezzogiorno si ferma al 32,6%.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore