Gli italiani non mandano in vacanza la tecnologia

NewsProdotti

Sono sempre di più gli italiani che decidono di portarsi in vacanza iPod, Blackberry, TomTom, portatili, netbook. E’ quanto sostiene un’indagine Doxa

Vacanze 2.0 per gli italiani. Sempre più TomTom, iPod, Netbook, Blackberry popolano le valige degli italiani pronti al via per le vacanze.

Sei italiani su 10 (59,4%) non possono fare a meno di rimanere costantemente connessi grazie alla tecnologia.

A sparire non sono solo privacy e isolamento. Il tecno-turista manda in pensione anche tutta una serie di incombenze, obblighi e attività ritenute dai più ormai il lato peggiore della vacanza: litigi con il partner per l’interpretazione delle cartine stradali, le cartoline a zie e cognati, la ricerca delle notizie dall’Italia vecchie di tre giorni. Insomma, la confidenza con gps, internet, social network e affini ha cambiato radicalmente (e per sempre) la figura dell’italico viaggiatore.

E’ questo quanto emerge da una ricerca realizzata dalla Doxa su un campione di oltre mille italiani, uomini e donne, dai 15 anni in su, commissionata da TomTom Italia. E, se da un lato è il TomTom (per il 37,3% degli intervistati) l’oggetto più utile per gli italiani, subito dopo c’è l’iPod (28%) che conquista il 51,7% degli under 34 ma appena l’8,2% degli over 55. Terzo posto per Netbook e Pc portatili in genere (26%), quarto per Blackberry e smartphone (9,9%), quinto per le console di videogiochi portatili (8,8%).

Proprio alla vigilia delle vacanze, e nonostante la crisi, c’è infatti chi ha ampliato il suo bagaglio tecnologico, magari sostituendo qualche apparecchio nel frattempo diventato obsoleto. Il 4,9% degli italiani ha acquistato una nuova fotocamera digitale, il 4% un Netbook; il 3,7% un iPod, il 3,4% una nuova Nintendo DS e il 2,9% un nuovo modello di TomTom.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore