Google, Amazon, Microsoft, la sfida a colpi di spese

News

Secondo il Wall Street Journal, alcuni dei principali big del mondo It non si starebbero più sfidando solo a colpi di prodotti, smartphone, tecnologie innovative, bensì sulla conta delel spese visualizzate dai bilanci

Quanto costa essere società conosciute nel panorama della tecnologia? Parecchio, a giudicare dal fatto che alcuni big, non si sfidano più solo a colpi di prodotti innovativi, tecnologie all’avanguardia, ecc. ma anche i costi e le spese in genere hanno la loro importanza.

Quindi, non solo guerra di smartphone, brevetti, corti europee e non, tra i colossi della Silicon Valley, la sfida passa anche sulla spese, dimostrando come essere un gigante dell’hi tech non è economico. meeting, business meeting, accordi@shutterstock

Secondo l’Ansa, nel primo trimestre di quest’anno Google, Amazon e Microsoft hanno sostenuto complessivamente 4,6 miliardi di dollari di spese di capitale, il 65% in più rispetto all’anno scorso. I ricavi complessivi sono saliti solo del 12%.

Lo riporta il Wall Street Journal, sottolineando che Google è fra le tre aziende monitorate quella più spendacciona, quella che ha registrato il maggiore aumento dei costi, quasi raddoppiati nel primo trimestre a 2,3 miliardi di dollari. Nel 2013 le spese di capitale di Google sono salite a 7,4 miliardi di dollari dai 3,3 miliardi di dollari del 2012. Amazon ha speso nei primi tre mesi dell’anno 1,1 miliardi di dollari, il 61% in più rispetto al primo trimestre del 2013.

A spingere la crescita sono stati soprattutto gli investimenti in infrastrutture tecnologiche. Microsoft ha registrato un aumento delle spese di capitale del 28% a 1,2 miliardi di dollari. Nei nove mesi che si sono chiusi in marzo, le spese sono salite del 69% a 4,2 miliardi di dollari.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore