Hp: altro giro di valzer

Mercato

Con lo slogan “Shall We Dance?” Hp ha festeggiato ad Amsterdam 25 anni di vendita indiretta e spiegato come sta cambiando il suo rapporto con il canale.

Hp: altro giro di valzer

Quasi tutte le relazioni hanno i loro alti e bassi, ma negli ultimi anni quella tra Hp e i suoi partner ne ha manifestati veramente un po’ troppi. Celebrando le nozze d’argento con il canale in occasione dell’evento Spo (Solution Partners Organization) di Amsterdam, il produttore ha dato la netta impressione di avere finalmente deciso di ascoltare i partner e introdurre tutte le modifiche necessarie per migliorare la situazione. Con lo slogan ‘Shall We Dance?’, il produttore ha comunicato una serie di cambiamenti che dovrebbero far saltare di gioia alcuni partner e preoccuparne altri. E ha approfittato dell’occasione per lanciare un grido di battaglia contro i rivali Ibm e Dell, che evidentemente fa fatica a continuare a ignorare. Nella stessa settimana in cui si è svolta questa conferenza con i partner, Hp ha comunicato la fusione delle sue divisioni più ampie: Imaging and Printing Group e Personal Systems Group nella business unit Ipsg. Secondo il produttore, lo scopo di questa operazione è sottrarre quote di mercato a Ibm e Dell, oltre a ottenere una quota di mercati redditizi come quello della convergenza digitale. Insieme, i due gruppi rappresentano il 61 per cento del business complessivo di Hp. Bernard Meric, senior vice president e managing director di Hp Emea, nel suo intervento ha dichiarato: “Abbiamo una strategia diversa da quella di produttori come Canon, Dell e Ibm, ma a volte ci confrontiamo troppo con gli altri. Vogliamo essere il numero uno nel mercato dei notebook e delle stampanti multifunzione e ci troviamo in una posizione eccellente nei settori Sme ed enterprise”. Secondo Meric, Hp ha “la grande opportunit