HP Global Influencer Summit 2012, cosa succederà ad HP

MercatoProdotti

Da Shanghai, il reportage completo del primo evento HP che sancisce la fusione delle divisioni Psg e Ipg. Giorno per giorno, con il finale a sopresa del ceo Meg Whitman, che parla di strategie, prodotti e spinta sul brand. Anche in aiuto ai partner. Le foto dell’evento

Non poteva che stupire sul finale il ceo di HP, Meg Whitman, che a sorpresa è entrata in scena nel keynote di chiusura dell’HP Global Influencer Summit 2012, tenutosi la scorsa settimana a Shanghai con 550 giornalisti provenienti da tutte le parti del mondo. Un evento che, per  la prima volta, ha visto unite le divisioni PSG – storicamente di pc – e la divisione IPG – da sempre legata al mondo della stampa, dopo che Meg Whitman aveva ufficializzato nel mese di marzo  la fusione delle due entità.

Un peso nuovo per un’azienda che ha deciso di riposizionarsi con un unico brand forte su entrambi in mercati, con focus su tutto ciò che è ultrabook e all-in-one.

Se con l’arrivo di Windows 8, HP ritornerà sulle sue decisioni anche con una proposta in ambito tablet è presto per dirlo. A Shanghai il focus era solo sui mercati dove HP può già dire la sua, senza rincorrere al momento altre mete, dove competitor forti tengono lo scettro (in pratica, nessuna guerra all’iPad di Apple per ora).

Qui di seguito il reportage completo negli aricoli scritti da Shanghai, giorno per giorno.

– Shanghai, apre l’evento HP che riposiziona il business

HP, focus su ultrabook e all-in-one. Niente tablet

HP, arriva Whitman che elogia la Cina

HP fra sleekbook e l’ultrabook Envy Spectre

Qui di seguito le foto più significative della HP Global Influencer Summit 2012:

HP Global Influencer Summit 2012 a Shanghai

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore