Hp Pavilion TouchSmart 15 SleekBook, notebook per tutti con il touchscreen

Prodotti
Hp Pavilion TouchSmart Sleekbook 15

TEST – In prova la proposta Hp Pavilion Touchsmart Sleekbook 15-b104sl (D1M34EA), un laptop 15,6 pollici con il touchscreen. L’essenziale sotto 500 euro

La proposta consumer di Hp tiene conto delle esigenze di portafoglio delle famiglie italiane in tempo di crisi e contempla il laptop Hp Pavilion TouchSmart SleekBook che se da un lato non sbalordisce per specifiche particolari, dall’altro permette di portare a casa un laptop completo, con grafica discreta a un prezzo inferiore ai 500 euro. E questo è senza dubbio un punto di forza della proposta.

Hp Pavilion TouchSmart SleekBook è stato da noi provato nel modello specifico D1M34EA. Il form factor non mostra caratteristiche di spicco salienti. Lo chassis è tutto in materiale plastico, con la finitura superiore lucida con effetto metallizzato. Non ci ha convinto del tutto la scelta delle cerniere di innesto del display nella scocca della base tastiera, che richiama soluzioni del passato, ora superate. Nel complesso comunque il design di  Hp Pavilion TouchSmart SleekBook è discreto. Questo laptop è anche abbastanza leggero. Pesa appena 2,1 Kg con dimensioni 38,6 x 25,9 x 2,1 cm. L’accensione evidenzia allo stesso tempo il primo pregio e il primo limite del notebook. Il touchscreen è sensibile e l’utilizzo più comodo di quello di tante soluzioni tablet di primo prezzo, purtroppo la risoluzione del display BrightView HD è di appena 1366×768 pixel. Anche compromessi di questo tipo consentono di mantenere il prezzo contenuto.

Il feedback offerto dalle plastiche della tastiera (ovviamente non retroilluminata) non è un granché, con i tasti piatti, senza rifiniture anatomiche particolari. Lo stesso vale per il touchpad. Nulla da eccepire sul funzionamento, ma chiaramente la superficie puntinata del touchpad è meno gradevole dello strato liscio (in alcuni casi di vetro) dei laptop di fascia medio/alta. Premiamo però la scelta di una tastiera estesa, con tastierino numerico separato, che fa comodo, e  il tasto On/Off del touchpad. Molto scarsa invece l’accessibilità ai comparti interni per un eventua le intervento diretto dell’utente. Dal fondo si può procedere velocemente solo con l’estrazione e la sostituzione della batteria.

Hp Pavilion TouchSmart 15 SleekBook
Hp Pavilion TouchSmart 15 SleekBook

Hp Pavilion TouchSmart SleekBook, dotazione senza rinunce

Hp Pavilion TouchSmart SleekBook, pur essendo un notebook economico, su qualche aspetto della dotazione hardware si dimostra fin più generoso di offerte simili della concorrenza. Per esempio si presenta con il processore Intel Core i5-3337U a 1,8 GHz con 3 Mbyte di cache di terzo livello, che non è un processore di fascia alta, ma in questo caso è supportato da ben 8 Gbyte di Ram per muovere agilmente Windows 8 a 64bit; i due banchi di Ram occupano entrambi gli slot disponibili. Ricordiamo che le proposte disponibili nella Gdo in questa fascia spesso si limitano a 4 Gbyte di Ram. A valore anche la grafica non integrata, ma fornita da Nvidia nella fattispecie con Nvidia GeForce GT 630M e 2 Gbyte di memoria dedicata. Fanno comodo a casa, per le elaborazioni più complesse. Lo storage in dotazione è il minimo che si possa richiedere: un unico disco Sata da 500 Gbyte a 5400 rpm (non brilla certo per velocità).

Poer quanto riguarda la dotazione di interfacce la proposta è più che soddisfacente con ben due prese USB 3.0, una presa USB 2.0, c’è ancora la presa Ethernet, una presa Hdmi, il lettore di schede di memoria SD, blocco Kensington e presa per l’alimentazione. La Webcam HP TrueVision HD si presenta con microfono digitale integrato La connettività Wifi e Bluetooth è quella oramai standard come da specifiche.

I nostri test PCMark 7 (è questo l’ultimo notebook che proveremo con questa suite, che aggiorniamo da oggi alla versione 8) si sono fermati a 2.601 come punteggio complessivo. Productivity Score si è inchiodato a 820 punti, Entertainment a 2.504 e Creativity a 5.163. Il comparto più debole, e purtroppo quello a cui i benchmark di FutureMark sono più sensibili, è quello Storage (con appena 1355 punti). Per questo il laptop è tra i modelli più recenti da noi provati quello con i risultati prestazionali più bassi. L’autonomia della piccola batteria in dotazione è limitata a circa 2h e 30 min di utilizzo. Tuttavia, nonostante questi riscontri, la proposta di Hp a 500 euro ivati vanta un rapporto qualità prezzo elevato.

La dotazione software è soddisfacente. Hp ovviamente preinstalla le proprie soluzioni anche per veicolare i contenuti multimediali (Hp Connected Music, Photo), le utility di gestione, come ProtectSmart, Utility Center e Recovery Manager, per creare una chiavetta di ripristino, ma la proposta di terze parti è coerente con la destinazione d’uso del notebook: e quindi si trovano preinstallati in prova Symantec Norton Internet Security 2013 (LiveUpdate per 60 giorni, ma la proposta di acquisto è immediata e invadente tanto da non poter essere chiusa con i soliti sistemi tradizionali dal desktop, con un certo fastidio), Cyberlink Power DVD e Office di Microsoft in versione trial. Se si attiva, come abbiamo già avuto modo di segnalare, è estremamente facile acquistare la licenza Office 365, molto più complesso optare semplicemente per la proposta solo on-premise. Ma questa è una scelta di Microsoft. Vogliamo evidenziare invece Hp Connected Remote per gestire da smartphone e tablet i software iTunes, Media Center,  e Media Player attivi sul pc.

 

 

 

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore