Htc One si prepara a insidiare sia iPhone sia Samsung Galaxy S 4

Prodotti
HTC One

Htc One, insieme ad iPhone 5 e Samsung Galaxy S 4, rappresenta un punto di riferimento nel mercato smartphone per qualità hardware e scelte software attente ad ottimizzare l’usabilità

Htc One è a scaffale nei negozi già in questi giorni al prezzo di 699 euro, e si propone come smartphone di riferimento, pronto a contendere quote di mercato sia ad iPhone che a Samsung Galaxy S 4. Laddove Galaxy S 4 si propone come smartphone ‘muscolare’, meno gradevole degli altri due competitor per quanto riguarda design e scocca, ma ricco di software e soluzioni tecnologiche di ogni tipo (si pensi al perfezionabile controllo tramite movimento oculare), Htc One vanta come primo punto di forza un eccellente mix di usability (grazie alla nuova interfaccia Htc Sense in versione 5 e alle scelte software), qualità componentistica di livello (l’audio davvero stupisce, rispetto alla proposta dei competitor) e per le qualità della scocca. Robusta, pur con qualche compromesso.

Htc One nel dettaglio

Htc One si presenta con display Full Hd da 4,7 pollici a 468 punti per pollice. Lato pratico, la gara di densità pixel e di risoluzione è oramai un puro esercizio di stile, tra questi smartphone top di gamma. Si riconosce a Htc One il primato dei 468 punti, ma su una diagonale leggermente inferiore rispetto alla proposta Samsung. iPhone ha scelto la via di una diagonale minore, prediligendo l’utilizzo comodo con una singola mano, ma dimensioni meno ampie. Il display è protetto da vetro Corning Gorilla di seconda generazione. La scocca, al di là di quello che comunemente si legge non è completamente in alluminio. Htc One si propone con una composizione “a panino”, quindi con la copertura e il dorso in alluminio anodizzato e i profili interni in policarbonato bianco (nella versione da noi provata). Il profilo in policarbonato sul dorso ha permesso di risolvere anche il problema della ricettività delle antenne. Con un utilizzo intenso questa scelta di robustezza permetterà ai più incauti, al massimo, di riuscire a lasciare segni sui profili e sul tasto di accensione in plastica trasparente, tasto che funge anche da porta IRDA.

L’assemblaggio complessivo è di elevato livello. Qualche dettaglio merita la nostra attenzione: sul dorso in alto a destra risiede un secondo microfono per il rilevamento dei rumori ambientali e il filtro (Sense Voice). Sono inseriti nella griglia frontale audio i led di stato, a sinistra di essa sono ben visibili i sensori di prossimità e luminosità ambientale. La micro Sim (solo iPhone al momento usa le nanoSim) si inserisce sul profilo sinistro in alto e la presa microUsb è posizionata sul fondo a destra e non sui profili. Una scelta per noi ottimale, rispetto all’ingombro di averla sui profili. L’utente non può accedere all’interno dello smartphone e non vi è motivo per doverlo fare considerato che la memoria32/64 Gbyte non è ulteriormente espandibile. 

Htc One
Htc One, scocca in alluminio e profili interni in policarbonato. Anche così è mantenuta buona la ricettività del segnale

Htc One, hardware e software sinergici

Htc One non concede ad inutili prove di forze, ma scommette su un connubio davvero ben riuscito fra potenza della dotazione hardware e la corrispondente ottimizzazione del software. Per le specifiche in dettaglio preferiamo rimandare direttamente alla pagina specifica del produttore; saranno da noi richiamate solo per spiegarne il reale valore.

Htc One è equipaggiato con Qualcomm Snapdragon 600, quad-core a 1,7 GHz (Krait 300) che dispone di 2 Gbyte di Ram; la Gpu Adreno 320 garantisce un’ottima fluidità nell’utilizzo di Htc Sense 5, e di Blink Feed, la home di default che Htc propone come collettore di informazioni in tempo reale con la raccolta di news, feed, vista di sintesi di alcune app, e social network. Il connubio Htc Sense, Blink Feed e le personalizzazioni complessive di Htc in ogni comparto applicativo sembrano quasi far passare in secondo piano Android 4.1.2. Costante di sempre, subito rinvenibile per chi conosce Htc, la cura per le immagini meteo impostabili come sfondo della home, e contestuali ovviamente alla propria posizione.

Più si usa Htc One, più lo si apprezza. Le procedure di configurazione degli account, riviste rispetto ai modelli precedenti, conducono velocemente all’uso completo dello smartphone. La navigazione estremamente fluida sia nelle procedure di pinch e zoom, sia nello scalare correttamente le pagine Web, non presenta tempi di attesa o fastidiosi scatti. Si poteva migliorare il client email che riadatta il contenuto alla pagina ma non in modo ottimale, costringendo allo scrolling. Questo fastidio invece non è percepibile su Android con Gmail.

Blink Feed con cui subito bisogna familiarizzare, è una buona soluzione, ma si può decisamente migliorare: mentre infatti si può scegliere di impostare come default un’altra pagina Home, chi proprio non la apprezza, o vorrebbe piegarla completamente alle proprie preferenze di visualizzazione, dovrà aspettare nel futuro la possibilità di ridimensionare i riquadri e l’integrazione con tutte le applicazioni preferite, al momento non ancora possibile.

Nella home stupisce anche l’assenza, nel menu a tendina delle notifiche, delle scorciatoie per aprire e chiudere  le connessioni e gestire immediatamente il volume, ci sono però widget a volontà, e in parte ridondanti, per arricchire le altre schermate principali, come si è già abituati a fare con Android. Piccoli dettagli, in un contesto complessivo di ottima usabilità. Non mancano gli esempi: i tasti capacitivi alla base del display (Home e Schermata precedente) hanno diverse funzionalità a seconda di quante volte sono premuti e di quanto a lungo. Dalla home, per esempio, si passa così velocemente alla funzione ricerca online.

Accenniamo solo velocemente, vero paradosso cui oramai ci hanno abituato gli smartphone, alle funzionalità telefoniche. Htc One supporta LTE nelle seguenti declinazioni:

  • EU: 800/1800/2600 MHz
  • US (AT&T): 700/850/AWS/1900 MHz
  • US (TMO): 700/AWS MHz
  • US (Sprint): 1900 MHz
  • Asia: 1800/2600 Mhz
E per quanto riguarda invece le altre reti, sono supportati, così come segnalati dal produttore:

HSPA/WCDMA:

  • Europa/Asia: 850/900/1900/2100 MHz

GSM/GPRS/EDGE:

  • 850/900/1800/1900 MHz

Vogliamo sottolineare la bontà della ricezione e del sistema dialer nel complesso. All’interno delle funzionalità dell’applicazione per telefonare sono disponibili diverse schermate con Cronologia, Preferiti, tutti i Contatti e i Gruppi.

Per quanto riguarda la connettività, ovviamente Htc One supporta tutti gli standard più recenti.
  • Supporto NFC
  • Compatibile con Bluetooth 4.0
  • Bluetooth 4.0 con tecnologia aptX™
  • Wi-Fi: IEEE 802.11 a/ac/b/g/n
  • DLNA per lo streaming in modalità wireless di file multimediali dal telefono a una TV o un computer compatibile
  • Altri segnalati dal produttore

Htc One, multimedialità di alto livello

Tra i punti di forza più evidenti ci sembra impossibile non fare riferimento alle possibilità offerta dalla fotocamera e dal comparto audio, in sinergia per un’esperienza multimediale di ottimo livello. La fotocamera dispone di un’ottica con apertura f 2.0 e focale da 28mm, è presente la modalità di scatto continuo, il flash si utilizza con cinque diversi livelli di potenza a seconda della distanza del soggetto, Direttamente dalla fotocamera è possibile produrre video-slideshow sfruttando gli scatti di una propria collezione (Htc Zoe), e la collezione di effetti pre e post produzione è di alto livello. La qualità complessiva dei propri lavori è eccellente per un utilizzo sociale e su Web, meno in termini di qualità assoluta in un confronto con fotocamere dedicate anche di fascia media. Per quanto riguarda la qualità audio, anche ascoltando radio e musica con gli altoparlanti esterni, ci sentiamo tranquillamente di sostenere che Htc One rappresenta un punto di riferimento in termini assoluti.

La ricca collezione di software di Htc One permette la fruizione e la gestione della multimedialità. Non manca la radio con funzionalità Rds, ma sono presenti inoltre, Htc Watch per la visione dei film, il software per le raccolte musicali e il download diretto delle copertine degli album, SoundHound e TuneInRadio (la radio via Web), con l’applicazione TV si può avere accesso non solo alle trasmissioni dei propri broadcaster preferiti, ma anche gestire il proprio sistema home theater domestico. Ci piace inserire una menzione anche riguardo l’applicazione Auto, per disporre di un sistema di navigazione Gps utilizzabile facilmente anche in automobile grazie ai pulsantoni, con Google Navigation. Htc One con Htc Speak riconosce invece perfettamente la voce sin dal primo utilizzo per la ricerca delle vostre destinazioni, così come per l’attivazione della radio ed è l’occasione per una menzione di bontà. Sono stupefacenti invece la velocità di aggancio del segnale Gps e l’elaborazione del calcolo, con una qualità audio anche in questo caso eccellente. Standard la dotazione software per quanto riguarda i programmi office.

Htc One, giudizio e comparazioni

Htc One è uno smartphone di riferimento in diversi comparti. Tra quelli non ancora citati, per cui ci è risultato particolarmente gradito, vogliamo citare l’autonomia della batteria. Grazie alla funzione Risparmio Energia, configurabile, sarà possibile tenere Htc One acceso e funzionale, anche per diversi giorni, con un utilizzo standard delle funzionalità di posta e sotto copertura Wifi, magari sfruttando il browser di tanto in tanto. L’utilizzo di tutte le funzionalità in modo moderato, comprese le funzionalità Gps per trasferimenti di 15-30 minuti, senza ricaricare, permetterà lo stesso di arrivare a fine giornata. E’ stato fatto un buon lavoro quindi, pur dovendo segnalare che la batteria a 2300 mAh in un utilizzo normale ma continuato scalda sensibilmente il dorso dello smartphone, può infastidire. Il lavoro diventa eccellente – come abbiamo già detto – per quanto riguarda tutto il comparto della multimedialità, dalla qualità display/touch all’ascolto con tecnologia BeatsAudio. Htc Sense 5 è promossa a pieni voti, BlinkFeed indica una buona via, migliorabile però.

Pur non amando, per esperienza personale, gli smartphone con diagonale display tale da non riuscire ad utilizzarli con una mano sola, il 4,7 pollici di Htc One, più piccolo di Samsung Galaxy S 4 da questo punto di vista ci conforta. La competizione puramente muscolare tra i due smartphone per quanto riguarda la ‘ricchezza’ complessiva software/caratteristiche/tricks è vinta da Samsung sulla carta, ma per quanto riguarda il design e il feedback dello chassis Htc One è un passo avanti. Siamo oramai a un livello di sofisticazione per cui davvero sarebbe ora di capire di centinaia di caratteristiche software e di utility quali sono quelle effettivamente utilizzate appieno dagli utenti. iPhone 5 di Apple a nostro avviso resta campione di usabilità complessiva, pur con tante dotazioni software in meno, e di fluidità. E si fa forte dell’app store migliore. Nel nostro utilizzo quotidiano di iPhone non abbiamo mai sentito la necessità di un display più ampio, preferendo ad esso una tascabilità senza confronti, e un peso sensibilmente inferiore (113 grammi contro i 150 grammi di Htc One). La sfida però è lanciata e Apple deve accelerare il passo con il prossimo iOS. Di pregio, nella confezione di Htc One, gli auricolari con il cavo piatto.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore