Huawai parla al mondo Enterprise con una divisione nuova di zecca

News

La nuova Enterprise Business Unit di Huawei è affidata a Marco Pasculli. La crescita del business avverrà attraverso partnership,  una serie classica di realtà del canale distributivo , dai system integrator a un distributore e affiancarsi agli operatori delle Tlc

Huawei ha dato il via anche in Italia a una nuova divisione che offrirà un ampio spettro di soluzioni per il mondo aziendale.

La mossa rientra in una piano strategico generale che prevede, per la neonata divisione, una crescita in sincronia con i piani più generali che promettono a livello mondiale una progressione di fatturato che parte dai 2 miliardi di dollari attuali per salire a 4 miliardi nel 2011 fino a 15 miliardi di dollari nello spazio da qui a tre a cinque anni.

Huawei ( 28 miliardi di dollari di fatturato con un obiettivo di 31 per l’anno in corso ) è partita da una riorganizzazione generale in tre business group principali : Carrier, Consumer ( a breve verrà scelto anche il responsabile italiano per smartphone e tablet ) ed Enterprise.

La crescita del business enterprise sarà condotta attraverso partnership con obiettivo le aziende di piccola e e media dimensione , accanto alla Pubblica amministrazione e alle Utilities, attraverso una serie classica di realtà del canale distributivo , dai system integrator a un distributore, con una particolare intenzione di affiancarsi agli operatori delle Tlc che già in Italia veicolano all’utenza finale le soluzioni di tipo aziendale.

Il tutto completato da una efficiente catena logistica basata su 9 hub regionali nel mondo.
“Si tratta – come dichiara Roberto Loiola, vice president Western Europe di Huawei di uno sforzo globale e significativo di Huawei in Europa , fuori della Cina. In Italia siamo pronti a raccogliere con il settore enterprise il medesimo successo di affari che con i carrier cinque anni fa”.

I trend che Huawei cerca di cavalcare con apparati e soluzioni per settori industriali specifici sono occasione da cogliere per “trasformare un gruppo orientato alle tecnologie di Tlc in un vero player del settore Ict con l’IT che entra a far parte del suo core business”.
In Italia la nuova Enterprise Business Unit di Huawei è affidata a Marco Pasculli che ricorda come in Italia esistano già installazioni Huawei al servizio del settore imprese e mette in luce a nuova offerta di soluzioni complete specifiche per alcuni mercati verticali: PA (eCity) , Trasporti (GSM-R) ed Energia ( Grid Energy).

In Italia Huawei è già presente con le sue soluzioni dati enterprise ( switch e router) nella Pubblica Amministrazione con prodotti certificati Consip e per la rete SPC. Piuttosto ampio lo spettro del soluzioni offerte , in cui spicca la novità di un’offerta server su base Intel e storage ( da una joint venture tra Huawei e Symantec): data center, networking, comunicazione unificata e collaborazione fino alla video conferenza e alla telepresenza. Dunque non solo Cisco nel mirino della concorrenza , ma , per fare alcuni nomi, anche Avaya, HP ( più 3Com) e Alcatel-Lucent .

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore