Huawei pensa alla Borsa e segna un primato nelle Tlc

News
borsa, economia, risultati economici

Le vendite di Huawei, nel 2012, hanno raggiunto i 220 miliardi di yuan (circa 35,4 miliardi di dollari), l’8% in più rispetto al 2011

Huawei diventa il primo produttore al mondo di apparati per le Tlc battendo  anche Ericsson e valuta la Borsa.

Le vendite di Huawei, secondo quanto emerge dal report societario, ripreso dall’Ansa, nel 2012 hanno raggiunto i 220 miliardi di yuan (circa 35,4 miliardi di dollari), l’8% in più rispetto al 2011, delle quali il 66% sono state realizzate al di fuori della Cina.

I dati finali di Ericsson, secondo quanto riporta l’Ansa, dovrebbero essere resi noti alla fine del mese ma secondo gli analisti è probabile per il 2012 un risultato inferiore, anche se non di moltissimo, a quello di Huawei che ha già battuto la casa svedese per quanto concerne il primo semestre del 2012 quando il fatturato della cinese è stato di 16,1 miliardi dollari, circa 850 milioni di dollari in più rispetto a quanto realizzato da Ericsson nello stesso periodo.

E questo, secondo alcuni, potrebbe aprire la strada di una Ipo di Huawei, che al momento non è quotata. Cathy Meng, capo del dipartimento finanziario di Huawei, ha detto in una conferenza stampa a Pechino che Huawei “ha raggiunto una crescita effettiva nel 2012, concentrandosi sui clienti, razionalizzando la gestione e migliorando l’efficienza”, aggiungendo poi che Huawei si aspetta che il suo fatturato complessivo possa ancora crescere tra il 10% e il 12% nel 2013.

Huawei è di proprietà dei dipendenti, con circa 65.000 di loro in possesso di azioni (solo i cinesi). Il fondatore, Ren Zhengfei, controlla circa l’ 1,4% della società. La solida performance di Huawei è in netto contrasto con la sua rivale ZTE che ha fatto sapere che per il 2012 potrebbe registrare una perdita fino a 466 milioni di dollari.

 

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore