I finanziamenti per la PMI

Strategie

Friuli-Venezia Giulia apre alla formazione

Fino al 30 novembre 2005 sarà possibile presentare progetti di formazione aziendale e pluriaziendale da finanziare con il concorso del fondo sociale europeo. La regione Friuli Venezia Giulia ha approvato il bando relativo alla misura D1 “sviluppo della formazione continua, della flessibilità del mercato del lavoro e della competitività delle imprese” del Por obiettivo 3 2000/2006. Le risorse messe a disposizione sono pari a 500 mila euro, destinate alle piccole, medie e grandi imprese ubicate sul territorio regionale. Sono finanziabili progetti di formazione professionale di tipo monoaziendale e pluriaziendale. Per la formazione generale le grandi imprese possono ottenere un contributo pari al 50% della spesa ammissibile, mentre la percentuale per le Pmi è pari al 70%. In caso di formazione specifica tali percentuali si abbassano rispettivamente al 25 e al 35%. Sono previste maggiorazioni del 5% per progetti relativi ad aree in deroga 87.3C e del 10% per progetti rivolti a categorie svantaggiate. Nel settore trasporti l’agevolazione può raggiungere il 100% se rispettate particolari condizioni. Il contributo massimo per le grandi imprese è pari a 50 mila euro. (da www.pmifinance.it) L’innovazione risveglia i finanziamenti: Incentivi per la realizzazione di progetti finalizzati all’acquisizione di servizi reali per l’innovazione organizzativa, commerciale, tecnologica e informatica delle Pmi. È l’Euro info Centre, l’azienda speciale della Camera di commercio di Milano a porre l’attenzione su questa formula di finanziamento, dettata dall’obiettivo 2 – misura 1.2 (sostegno alla domanda di servizi qualificati delle imprese), sottomisura 1.2 E (Incentivi all’innovazione delle piccole e medie imprese). Sono interessate a questi incentivi, le cui domande dovranno essere presentate entro il 18 aprile prossimo le Pmi operanti nel settore estrattivo, manifatturiero, della produzione e della distribuzione di energia elettrica, delle costruzioni, dei servizi, ecc. Sono esclusi gli interventi nel settore dei trasposti e quelli in favore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli e della pesca, così come sono escluse le imprese operanti nel settore del commercio e incluse le attività riguardanti la categoria di manutenzione e di riparazione autoveicoli. Per informazioni: Euro Info Centre Cciaa Milano tel. 02/85155235

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore