I preordini dell’iPhone 5 superano i due milioni in 24 ore

News

Secondo una nota di Apple, in 24 ore sono stati preordinati due milioni di iPhone 5, doppiando il record raggiunto dall’iPhone 4S

Apple ha annunciato che i preordini dell’iPhone 5 hanno raggiunto i due milioni in 24 ore, oltre il doppio rispetto al record precedente di un milione, registrato dall’iPhone 4S.

La richiesta per iPhone 5 supera la fornitura iniziale e, sebbene la maggior parte dei preordini sarà consegnata il 21 settembre, molti slitteranno a ottobre.

iPhone 5 è il più sottile e leggero iPhone di sempre, con un design interamente rinnovato che include un favoloso display Retina da 4 pollici, un chip A6 progettato da Apple per prestazioni incredibilmente veloci, tecnologia wireless ultraveloce, il tutto garantendo una autonomia della batteria anche maggiore.

iPhone 5 include iOS 6, il sistema operativo mobile più evoluto al mondo, con oltre 200 nuove funzionalità per l’utente, fra cui: la nuovissima app Mappe con una cartografia interamente disegnata da Apple, un navigatore preciso e affidabile e una nuova incredibile vista Flyover; integrazione di Facebook per la Rubrica e il Calendario, con la possibilità di postare direttamente dal Centro Notifiche; Passbook, il modo più semplice di avere tutte le proprie tessere in un unico luogo; la nuove funzioni di Siri, incluso il supporto per più lingue, un facile accesso ai risultati sportivi, consigli sui ristoranti e programmazione delle sale cinematografiche; app che ora interagiscono con Siri e Facebook come Foto, Safari e Mappe; e Streaming Foto Condivisi via iCloud.

Prezzi e disponibilità
iPhone 5 arriva nei modelli bianco e argento o in nero e ardesia e sarà disponibile negli Apple Store, a partire dalle 8 del mattino, ora locale, di venerdì 21 Settembre, sull’Apple Store Online, presso alcuni operatori telefonici e rivenditori autorizzati Apple negli Stati Uniti, in Australia, Canada, Francia, Germania, Hong Kong, Giappone, Singapore e Regno Unito.

iPhone 5 sarà disponibile in altri 22 Paesi dal 28 settembre, inclusi Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Ungheria, Irlanda, Italia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Olanda, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Svizzera.

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore