I tablet trainano il mercato Pc. E’ l’analisi di Canalys

News

Canalys fotografa il mercato Pc con un occhio al Mobile. Il mercato Pc, trainato da tablet e iPad, cresce del 7%

Canalys fotografa il mercato Pc con un occhio al Mobile. Secondo la società d’analisi il mercato Pc, trainato da tablet e iPad, cresce del 7%. Continua però il fenomeno della cannibalizzazione dei Pad a spese dei netbook e laptop di fascia bassa. Anche se iPad non è un laptop, Canalys illustra il mercato Pc contando le vendite dei tablet che fanno parte della spesa IT. Nel primo trimestre dell’anno le vendite di media tablet hanno raggiunto i 6.4 milioni di unità a livello mondiale: Apple detiene il 74% del segmento tablet, ma sono in arrivo sul mercato i tablet di Acer, Asus, LG e Rim Blackberry Playbook, oltre ai nuovi Samsung Galaxy Tab; il segmento sta diventando più competitivo rispetto all’anno scorso.

Apple continua la propria strategia nel mantenere il dominio del mercato tablet, visto che iPad e iPad 2 sono disponibili in ben 59 mercati. Le vendite della prima versione di iPad sono scese del 31% tra il quarto trimestre del 2010 e i primo quarter del 2011, ma questo è dovuto al debutto di iPad 2 con chip ual core. I buoni risultati di Apple nella trimestrale (soprattutto grazie al boom di iPhone), fanno da contraltare alle trimestrali più deludenti di Acer e Asus fra i vendor PC, che soffrono il fenomeno della cannibalizzazione del segmento netbook consumer.

Altro fattore che ha avuto impatto sul mercato Pc è il terremoto-tsunami in Giappone che ha causato un rallentamento dell’8% nel mercato PC locale. Il disastro ha avutto effetto sulla supply chain e ha creato incertezza fra i vendor IT, tutte conseguenze che si protrarranno nella seconda metà dell’anno.

L’effetto ‘halo’ di iPad sulla produzione degli altri vendor, ha fatto crescere Apple nei mercati mondiali” afferma Tim Coulling di Canalys. “Ma iPad 2 e i media tablet traineranno il mercato PC per il resti dell’anno“.
Da una recente ricerca di Canalys emerge che gli utenti usano i pad più come un PC, seppure “incompleto” (lato software), rispetto che come un media player o un e-book reader. La navigazione Web è l’attività più popolare in Europa, seguita da e-mail/messaggistica e social networking. Queste attività prevalgono sostanzialmente rispetto alla lettura di e-book o alla visione di video. I possesori non-iPad preferiscono leggere un e-book quattro volte di più rispetto a guardare un video.

Le apps più populari fra i possessori di tablet non-iPad sono applicazioni funzionali come e-mail, social networking, news e banking. Invece fra i possessori di iPad preferiscono navigazione Web e fruizione di video.
Canalys attribuisce le differenze fra iPad e non-iPad alla dimensione dello schermo, all’esperienza d’uso e all’inventario di Web app disponibili, dal momento che l’iPad ha uno schermo da 9.7″, e nel primo trimestre Samsung Galaxy Tab aveva ancora solo 7″. Su service provider come MobiTV, emerge che il tempo speso a guardare video differisce in proporzione alla grandezza dello schermo.

Canalys consiglia: “I Vendors dovrebbero continuare a promuovere il consumo di contenuti come vantaggio dei pad, e mettere in evidenza  altri utilizzi dei device e precaricare sui tablet browser avanzati, e apps di messaggistica localizzata e social network” afferma Adam Daum di Canalys. “Gli app store di tablet dovrebbero offrire un più ampio ventaglio di apps e contenuti ideali in base alla funzionalità e le dimensioni del tablet“.

Contenuti e Web apps danno l’opportunità ai vendor di ottenere nuove fonti di ricavi” continua Daum. “L’ecosistema di Apple suggerisce che i possessori di pad/ tablet genereranno in sostanza un ricavo medio più alto per le vendite di app e contenuti rispetto agli utenti di smartphone. Combinando strumenti appropriati di marketing e strategie di app store, i vendor di device possono usare le apps e contenuti per realizzare una fidelizzazione degli utenti”.

Fra i Top vendor di questa classifica di Canalys, Hp è prima al 16.6%, Acer secondo al 12.8%, Dell terza all’11.3%, Apple è quarta al 9.5%, e chiude il cerchio Lenovo quinta al 9.2%.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore