Ibm, clientela sempre più influente sulle decisioni dei CIO

News
meeting, business meeting, accordi@shutterstock

Dato che i consumatori si relazionano direttamente con le aziende attraverso i dispositivi mobili e i social media, secondo lo studio Ibm, oltre il 60% dei CIO dovrà focalizzarsi ancora di più sul miglioramento dell’esperienza d’utilizzo degli utenti

Secondo uno studio di Ibm , sempre più i CIO stanno comprendendo l’importanza di dare ascolto ai desideri dei loro clienti molto più che ad altre forze di influenza. Dato che i consumatori si relazionano direttamente con le aziende attraverso i dispositivi mobili e i social media, oltre il 60% dei CIO dovrà focalizzarsi ancora di più sul miglioramento dell’esperienza d’utilizzo degli utenti.

Il rapporto di Ibm intitolato ‘Moving from the Back Office to the Front Lines—CIO Insights from the Global C-suite Study ‘ si fonda su una serie di interviste dirette con oltre 1600 CIO in 70 paesi e in 20 diversi settori industriali. In sostanza la ricerca , condotta dall’ Institute for Business Value di Ibm , rivela che la spinta proveniente dai consumatori sta trasformando il ruolo dei CIO portandolo in avanti sul fronte dei contatti con la clientela esterna.

ibmciotab1

Come informa un nota aziendale, lo studio rivela che non esiste più una reale distinzione tra esperienza del cliente e strategia di business, la qualità e la natura della esperienza è il punto di ingresso alla informazione più importante in possesso di ogni impresa. L’80 per cento dei CIO si sono già focalizzati sulla parte di front office dell’organizzazione dove i responsabili di marketing , vendite e servizi si confrontano direttamente con i clienti. Per fare questo stanno investendo nelle nuove tecnologie che permettono una visione più in profondità dei dati dei clienti, fino all’analisi delle reti sociali per identificare il loro comportamento e predirne le tendenze con sufficiente affidabilità.

ibmciotab2

I CIO si sono anche espressi sulle tecnologie chiave e per il successo delle loro organizzazioni. Si tratta di un cambiamento rispetto alle preoccupazioni degli anni precedenti in cui l’accento veniva posto dai CIO sulle pressioni derivanti dal mercato o dai cambiamenti macroeconomici.

Con l’attenzione alle esigenze della clientela, è cresciuta per i CIO l’importanza del cloud computing : il 64 per cento dei CIO ormai prendere in considerazione nei suoi piani il cloud computing insieme con le soluzioni di mobility. Lo studio rientra in una strategia di analisi Ibm a livello di leadership aziendale, la C-suite con termine anglosassone, che ha toccato anche i CFO, i direttori finanziari, impegnati nell’utilizzo degli strumenti di analisi e dei big data per il supporto delle decisioni aziendali.

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore