Ibm, furti di dati nel retail in aumento ma attachi informatici in diminuzione

NewsRetail

Nonostante ci sia stata una riduzione degli attacchi informatici a danno dei retailer statunitensi, secondo Ibm Security, nel 2014, gli hacker sono riusciti a rubare alle aziende del retail più di 61 milioni di dati clienti. Nel 2014 la maggior parte degli hacker ha ridotto gli attacchi intorno al Black Friday e al Cyber Monday

Nonostante ci sia stata una riduzione degli attacchi informatici a danno dei retailer statunitensi, secondo Ibm Security, nel 2014, gli hacker sono riusciti a rubare alle aziende del retail più di 61 milioni di dati clienti.

Contrariamente alle attese, nel 2014 la maggior parte degli hacker ha ridotto gli attacchi intorno al Black Friday e al Cyber Monday, i giorni di maggiore picco di spesa nel retail. Gli studi Ibm sono stati condotti dagli analisti del team Managed Security Services che monitorano più di 20 miliardi di incidenti di sicurezza ogni giorno. Secondo queste ricerche, gli hacker stanno diventando sempre più sofisticati e utilizzano nuove tecniche per ottenere quantità di dati riservati con modalità efficienti.

Dal 2012 il numero di violazioni segnalate dai retailer è sceso del 50%. Nonostante questo calo, gli autori dei cyber-attacchi sono riusciti a colpire, con ogni singolo attacco, un numero molto maggiore di vittime. Anziché intensificarla, i cyber-criminali hanno ridotto la loro attività in tutti i settori durante il Black Friday e il Cyber Monday, i due principali giorni di shopping dell’anno secondo il Digital Analytics Benchmark di Ibm. retail, furti, frode, dati@shutterstock

Nonostante questa diminuzione nei crimini informatici, i settori delle vendite al dettaglio e delle vendite all’ingrosso sono stati i principali bersagli degli hacker nel 2014, conseguenza dell’ondata di incidenti di alto profilo che hanno colpito rivenditori di marca. Nei due anni precedenti, il settore manifatturiero è risultato il primo dei cinque settori presi di mira, mentre quelli delle vendite al dettaglio e all’ingrosso si trovavano in ultima posizione.

In quest’ultimo anno, la modalità di attacco principale è stata l’accesso non autorizzato tramite attacchi di tipo “Secure Shell Brute Force”, che hanno superato i codici malevoli, la scelta di punta nel 2012 e nel 2013. Gli hacker sono riusciti a impossessarsi di più di 61 milioni di dati nel 2014, in calo rispetto ai quasi 73 milioni nel 2013. Tuttavia, se si restringono i dati ai soli incidenti che coinvolgono meno di 10 milioni di record (ossia escludendo i due attacchi principali nel corso di questo periodo, Target Corporation e The Home Depot), questi ci raccontano una storia diversa: il numero di record del retail compromessi nel 2014 è aumentato di più del 43 percento, rispetto al 2013.

Anche se vi è stato un aumento del numero di attacchi di malware ai Point of Sale (POS), la grande maggioranza di incidenti diretti al settore delle vendite al dettaglio è stata causata da Command Injection o SQL injection. La complessità delle istruzioni SQL e la mancata validazione dei dati da parte degli amministratori della sicurezza hanno reso i database del settore retail un bersaglio primario.

Nel corso del 2014, il metodo di Command Injection è stato usato in quasi 6mila attacchi nei confronti di retailers. Tra gli altri metodi figurano Shellshock, oltre a malware per POS come BlackPOS, Dexter, vSkimmer, Alina e Citadel.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore