Idc chiama le banche per parlare di spesa It in ambito banking

Strategie
Google, Amazon e Facebook: marchi credibili per fondare una banca

Si terrà il 22 novembre prossimo a Milano, l’Idc Banking Forum 2012 dove le principali banche italiane spiegheranno come stanno facendo innovazione e come si preparano ad affrontare il 2013

Idc chiama a raccolta le principali banche italiane per parlare di spesa It in ambito banking.

Si terrà il 22 novembre prossimo a Milano, l’Idc Banking Forum 2012 dove le principali banche italiane spiegheranno come stanno facendo innovazione e come si preparano ad affrontare il 2013. La spesa It mondiale in ambito banking crescerà a un tasso composto annuo (CAGR) del 5,2% dal 2010 al 2015, con un diverso comportamento per area geografica dovuto a condizioni del mercato assai differenti, sottolinea Idc.

Non è un mistero che diversi fattori macroeconomici abbiano condizionato pesantemente l’andamento della spesa It soprattutto in Europa, con ripercussioni importanti sul comparto bancario, in sofferenza per una lunga e difficile crisi.

Nonostante ciò, in Emea il CAGR al 2015 degli investimenti It bancari è stato fissato da Idc al 3,6%, e anche in Italia è prevista una leggera crescita che porterà la spesa in tecnologie informatiche fuori dall’attuale territorio negativo a partire dal 2013.

L’innovazione è, e sarà, il motore principale di questa crescita, prerogativa imprescindibile per stare al passo con le esigenze della domanda e le sfide della concorrenza. E in un periodo difficile in cui le ridotte risorse sembrano andare contro l’idea stessa di innovazione, Idc crede sia fondamentale capire, e spiegare, come anche le piccole cose possano innescare grandi cambiamenti.bank, banche, banca, banking@shutterstock

Anche se per tutti è chiaro che il percorso di rinnovamento del parco tecnologico e applicativo in ottica business è una condizione necessaria per crescere e competere, è pure vero che la situazione economica e le sfide del business rendono possibili solo investimenti “economicamente” focalizzati, ma di impatto progressivamente pervasivo.

E perché l’innovazione, anche se piccola, possa essere di grande impatto, occorre progettarla con una prospettiva nuova, anche sfidando le convenzioni e i perimetri di attività tradizionali, se necessario.
E’ questo il tema portante dell’Idc Banking Forum 2012, che si svolgerà a Milano il 22 novembre presso Le Sale del Re in Galleria Vittorio Emanuele 11/12, non a caso intitolato “L’innovazione Delle Piccole Cose Per Coniugare Produttività e Crescita”.

Con la partecipazione di analisti di Idc, economisti italiani e soprattutto CIO e responsabili dell’innovazione delle maggiori banche italiane, l’Idc Banking Forum 2012 analizzerà in che modo e con quale intensità oggi le organizzazioni bancarie stanno facendo innovazione, illustrerà le best practice emergenti nel panorama dei progetti innovativi delle banche italiane e internazionali, e spiegherà come preparano le banche italiane a crescere e competere nel 2013.

Un esempio? In esclusiva italiana il chief developer officer della polacca Alior Bank porterà la testimonianza di come questa nuova banca digitale coniughi il concetto di sportello virtuale con i pagamenti via Facebook.

All’Idc Banking Forum 2012 sarà possibile comprendere come le macrotendenze It attuali – social, mobility, big data e cloud – possano essere declinate con “piccole cose” che portino valore e facciano parte di una visione e di un percorso di cambiamento che non è bloccato, ma anzi incentivato, dalla difficile situazione attuale.

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore