Il canale sente profumo di cloud computing

Strategie

Rispetto a un anno fa, il mercato Ict inizia comprendere il fenome del cloud computing. Le aziende portano le prime testimonianze e i primi benefici. E’ la sintesi del convegno “Cloud Computing: la palla passa al Canale!” dell’Osservatorio sul Canale ICT in Italia presentato a Smau 2011

La ricerca fotografa lo scenario proprio nel momento in cui i maggiori player del settore hanno messo a punto e stanno proponendo al mercato le loro soluzioni e le imprese dichiarano un elevato livello di interesse rispetto al Cloud Computing – ha dichiarato Raffaello Balocco, Responsabile Scientifico dell’Osservatoro sul Canale ICT in Italia.Rispetto al 2010, cresce il numero di operatori che offrono soluzioni basate sul Cloud Computing. In particolare, il 29% degli operatori dichiara di offrire una soluzione software in modalità as a Service rispetto al 15% del 2010, mentre l’offerta di soluzioni infrastrutturali in modalità as a Service è passata dal 6% al 12%. Infine, circa l’80% degli operatori che offrono soluzioni di Cloud Computing ha dichiarato un aumento del fatturato e della marginalità, derivante proprio dall’offerta di tali soluzioni”.

Sono queste le indicazioni emerse durante il convegno “Cloud Computing: la palla passa al Canale!” dell’Osservatorio sul Canale ICT in Italia promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano (www.osservatori.net) in collaborazione con Smau e supportata da da Huawei, IBM, Intel, Microsoft, SAP, Telecom Italia, presentata durante la manifestazione a Milano.

L’indagine 2011, oltre a valutare la situazione economico-finanziaria degli operatori del Canale ICT italiano (attraverso l’analisi di 10mila bilanci di società di capitali), si è focalizzata sulle soluzioni basate sul Cloud Computing (Software as a Service e Infrastructure as a Service), attraverso una survey che ha coinvolto oltre 500 operatori.

Le soluzioni Software e Infrastructure as a Service
Il 29% degli operatori coinvolti nella Ricerca offre almeno un’applicazione Software in modalità as a Service, con un incremento rilevante rispetto al 2010 in cui la percentuale era pari al 15%. Oltre 1 opertore su 4 si dichiara interessato a offrire tali soluzioni in futuro, la maggior parte entro i prossimi sei mesi. La scelta di offrire soluzioni di Cloud Computing è legata alla possibilità di disporre di un’ulteriore leva per attrarre nuovi clienti e allargare il proprio portafoglio di offerta con soluzioni a migliore marginalità. Le soluzioni software maggiormente offerte dagli operatori sono le applicazioni di Customer Relationship Management (52%), cui seguono i pacchetti semplici a supporto delle attività amministrative e contabili (39%), la posta elettronica (38%), i sistemi di collaboration (37%) e le soluzioni di conservazione sostitutiva e dematerializzazione (33%).

In particolare, le soluzioni di Customer Relationship Management e a supporto della contabilità appaiono in forte crescita rispetto allo scorso anno, testimoniando una maggiore maturità dell’offerta sia da parte dei Vendor che del Canale stesso.Un corrispondente trend positivo si riscontra anche nel numero di operatori che offrono soluzioni infrastrutturali in modalità as a Service che, raggiungendo il 12%, raddoppiano la loro penetrazione rispetto al dato registrato nel 2010 e mostrano interessanti prospettive di crescita.

Tra i partecipanti alla Ricerca che nel 2011 non hanno introdotto soluzioni software e/o infrastrutturali erogate in modalità as a Service, permane uno “zoccolo duro” di operatori che, nonostante una maggiore conoscenza delle opportunità offerte da tali soluzioni, conferma di non essere interessato a una loro introduzione, imputando questa scelta prevalentemente a uno scarso interesse da parte dei propri clienti.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore