Il Mosaico è completato per un canale dedito alla cybersecurity

News

Durante la decima edizione del Campus Mosaico (ex Itway Vad acquisita dal gruppo Esprinet), i direttori commerciali di V-Valley e di Mosaico hanno fatto il punto dell’integrazione nel gruppo. Spazio alla sicurezza ma allo studio un progetto, complesso, sull’IoT

V-Valley e Mosaico, due delle realtà del gruppo Esprinet, di fatto due società distinte con una legal entity dal nome Mosaico (ex Itway Vad) stanno affrontando i temi della cybersecurity, del software open source e virtualizzazione. Luca Casini e Silvio Calcina, rispettivamente direttore commerciale V-Valley e direttore commerciale Mosaico, hanno incontrato la stampa durante l’edizione numero dieci del Campus tenuto a Milano e hanno fatto il punto della situazione.

Tempo di accorpamenti nel campo della distribuzione che seguono una strategia precisa, anche se lato vendor non sempre le cose sono state all’insegna dell’accorpamento: si pensi a Symantec che è tornata indipendente, per esempio. Le due realtà vedono ampi motivi di collaborazione, con soluzioni complementari.

Luca Casini
Luca Casini

Secondo Casini, le soluzioni V-Valley e Mosaico coprono circa venti brand di riferimento e soddisfano la maggior parte della domanda di cybersecurity. Al momento manca ancora qualche brand per riempire la già ricca boutique di nomi ma, anche in ambito software, l’offerta Mosaico completa quella di V-Valley.

Casini spiega come sia importante la dote che Mosaico ha portato in Esprinet, ossia la partnership con Extreme Networks, molto importante in ambito networking alla luce dell’evoluzione che ha avuto Brocade. Posto che le due realtà operano in ambito distributivo a valore, entrambi i manager sono concordi nell’essere vicini ai rivenditori per generare domanda e vendere soluzioni, attraverso specialisti di vendite e prevendite. Inoltre, Casini spiega di voler portare avanti un confronto sul Gdpr con i rivenditori e con i professionisti che siano preposti alla redazione dei regolamenti ed è per questo che Casini ha sottolineato di collaborare con studi legali per portare esperienze. “Vogliamo creare valore con il rivenditore attraverso la formazione e l’acquisizione di Mosaico va in questa direzione”.

Calcina, dopo aver spiegato la profonda collaborazione tra le due realtà e la volontà di diventare un’importante polo in ambito security, ha sottolineato come Mosaico collaborerà anche con le altre realtà del gruppo: EDSlan ed Esprinet. 1500 differenti rivenditori, circa 200 persone Mosaico, più di cento brand attivi nell’ambito server, storage, cloud , videosorveglianza e sicurezza, sono quest ialcuni numeri che caratterizzano il nuovo comparto a valore.

Silvio Calcina, Direttore Commerciale di Mosaico
Silvio Calcina, Direttore Commerciale di Mosaico

 

Attualmente, le due realtà si stanno interrogando e stanno studiando il mondo IoT. I direttori commerciali hanno anticipato che è allo studio un progetto sul tema dell’IoT proprio perché i temi in oggetto sono complessi, si pensi per esempio, alla commistione tra l’acquisto e l’installazione di un termostato e l’interconnessione con il mondo dell’industria btob, il lavoro è molto complesso e necessita di tempi più lunghi. “Stiamo alle prese con un progetto IoT sul quale c’è ancora molto da fare”, spiega Casini

Sta nascendo la necessità di mettere assieme rivenditori per portare i mercati soluzioni. Stiamo parlando di IoT e serve qualcuno che sviluppi soluzioni, che impieghi i sistemi informativi e che sappia gestire la sensoristica e tutto questo può nascere dalla collaborazione tra diversi operatori. La richiesta di cybersecurity è in aumento, crescerà pure il mercato IoT mobile e spazio ce n’è”, conclude Casini.

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore