Il valore di Computer Gross parte da Milano il 5 ottobre 2016

News
Paolo Castellacci, Computer Gross
0 0 Non ci sono commenti

Il 5 ottobre 2016 parte il roadshow di Computer Gross dedicato al valore sia delle persone sia delle soluzioni. Per ora sono tre le date già definite ma Paolo Castellacci, presidente, spiega che l’evento toccherà tutte le città in cui hanno sede i cash & carry

Al centro le persone, in particolare persone che sanno spiegare il valore. In poche parole si potrebbe dire che le parole ‘persone’ e ‘valore’ sono al centro degli eventi itineranti che Computer Gross sta per inaugurare proprio sul tema del valore declinato in aree strategiche. Value è il titolo di questi incontri che inizieranno da Milano il prossimo 5 ottobre, per proseguire poi a Verona il 12 ottobre e a Roma il 27 ottobre, ma che proseguiranno, più o meno nei luoghi dove il distributore ha ‘installato’ i Cash & Carry. Parola d’ordine o filo conduttore di questa nuova edizione di roadshow sono le soluzioni che sostituiscono i concetti di prodotti e di integrazioni. Secondo Paolo Castellacci, presidente di Computer Gross, saranno complessivamente 12 o 13 le tappe. Il distributore sta investendo nel valore attraverso le service unit dedicate, composte da  personale specializzato e certificato sui principali trend di mercato che saranno analizzati attraverso specifiche aree strategiche individuate per dare ai rivenditori le chiavi di lettura per le opportunità che queste aree offrono sul mercato Ict.

Paolo Castellacci, Computer Gross
Paolo Castellacci

“Abbiamo individuato 5 o sei macroaree che muovono la domanda”, dice Castellacci. “La prima è la sicurezza, che si declina in diverse sottoaree: dallo storage, ai prodotti antivirus e ai software specifici. Porteremo ai nostri eventi la sicurezza derivante dal rapporto con i vendor e dalle persone che lavorano con noi. Avremo poi il cloud che con Arcipelago riusciamo a fornire ai rivenditori una struttura per creare dei servizi in cloud ai clienti. Inoltre,  l’area dell’analisi e dei big data, ossia i momenti necessari che portano ad analizzare i dati sia che si tratti di un’azienda sia di un unico utente che debba lavorare al meglio in ambito industriale; la quarta area è la mobilità sulla quale siamo in grado attraverso il nostro team di essere da supporto sia nell’It, sia negli esempi applicativi o esempi di applicativi per la mobilità. Infine .- spiega Castellacci – l’ipercorconvergenza perché oggi tante aziende che hanno una configurazione particolare hanno bisogno di soluzioni diverse che devono essere trattate in modo non tradizionale. Quasi tutto il software oggi è venduto come servizio e non come licenza e questo marketplace rappresenta la gestione di un processo diverso dal tradizionale che aiuti vendor e soprattutto i rivenditori a parlare con i clienti finali”.
Alla base quindi di questo roadshow, Computer Gross ha in testa di incontrare i rivenditori e sottolineare loro la presenza in azienda di persone skillate che daranno esempi di applicazioni e indicazioni specifiche da seguire una volta terminato l’evento.

Computer Gross, Mission Value
Roadshow Computer Gross

Si pensi che oggi Computer Gross ha un datacenter che non lavora direttamente sui clienti finali ma mette a disposizione dei nostri 80 rivenditori gli strumenti utili per gestire i loro 3200 clienti finali. Durante il roadshow vogliamo supportare il valore delle persone che lavorano in Computer Gross”, spiega Castellacci.

In ogni città che Computer Gross toccherà, saranno trattati i cinque temi chiave che saranno sottoposti “sia ai rivenditori sia ai clienti degli stessi che saranno da loro invitati. I roashow si terranno nelle città in cui abbiamo i cash & carry che hanno la funzione di essere punto di incontro e di formazione. Questo è il nostro obiettivo”. Castellacci fa sapere che i cash & carry hanno superato il break-even.
Ma per Castellacci il valore è anche curiosità finalizzata a capire quello che serve al cliente per poterlo supportare sia attraverso specifici servizi sia anche finanziariamente. Iniziative di marketing non sono escluse tanto che il presidente di Computer Gross spiega che da un anno e mezzo circa è partita una struttura che si chiama Digital Trend che cerca di supportare i rivenditori e i vendor sulle attività di marketing utilizzando tutti i social network.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore