In America i negozi seguono i segnali wi-fi dei clienti

News

Nordstrom, una catena americana di negozi di abbigliamento, ha rintracciato i movimenti dei suoi clienti seguendo il segnale wi-fi che proveniva dai loro smartphone. A raccontare la storia è il New York Times

Solo in America. Solo in America succede che i negozi di abbigliamento fiutino i segnali wi-fi che provengono dagli smartphone. Secondo TMNews, Nordstrom, una catena americana di negozi di abbigliamento, ha rintracciato i movimenti dei suoi clienti seguendo il segnale wi-fi che proveniva dai loro smartphone. A raccontare la storia è il New York Times.wifi, videosorveglianza@shutterstock

Il pedinamento era finalizzato a raccogliere dati sul comportamento dei consumatori: attraverso la videosorveglianza e i segnali emessi dai cellulari, Nordstrom poteva definire il sesso degli acquirenti, quanti minuti trascorrevano nel negozio, per quanto tempo guardavano la merce prima di acquistarla.

La sperimentazione è iniziata lo scorso autunno ed è stata interrotta a maggio a causa delle lamentele dei clienti. Secondo il New York Times quello di Nordstrom non è un caso isolato: catene di negozi come Benetton, Warby Parker, Family Dollar, Cabela’s e Mothercare stanno testando questa tecnologia per offrire al cliente coupon personalizzati o per migliorare la disposizione della merce.

I rivenditori sostengono che non stanno facendo nulla di più di quello che Amazon, la compagnia leader nel settore dell’e-commerce, fa sul web.

Tuttavia, per Robert Plant, professore della Miami School of Business, “l’idea di essere pedinati in un negozio è un po’ più inquietante di un semplice cookie  – una tecnologia che monitora la navigazione online degli utenti –  su internet”.

In Italia, qualcosa di simile quali conseguenze porterebbe?

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore