In calo, ma previsto

News

Ingram Micro chiude il quarto trimestre in calo, ma imputa le perdite principalmente ai maggiori costi affrontati per il programma di rilancio

Ingram Micro chiude il quarto trimestre fiscale con un calo del 4,1% rispetto allanno scorso, ma con un rialzo del 5,2% a livello sequenziale. Il fatturato si è attestato a 5,89 miliardi di dollari, ma la società evidenzia il fatto che tali perdite sono principalmente attribuibili ai maggiori costi affrontati per il programma di rilancio annunciato lo scorso settembre. Escludendo questi costi, le entrate nette sarebbero state di oltre 29 milioni contro i 10,3 registrati. A conferma di ciò, i risultati conseguiti prima dellavvio del programma, che vedevano vendite e guadagni attestati su livelli elevati. Il Nord America, nonostante un calo intorno all11%, rimane in testa con un contributo pari al 50% del fatturato globale, contro il 35% dellEuropa. La restante percentuale è frutto delle vendite in Asia Pacifico e in America Latina, dove il fatturato è cresciuto del 3,5%. Come anno fiscale, il 2002 si è concluso con un fatturato di 22.46 miliardi di dollari, con un decremento del 10,8% rispetto allanno precedente. Per il primo trimestre del nuovo esercizio fiscale, in chiusura il prossimo 29 marzo, Ingram Micro ritiene si possa raggiungere un fatturato compreso tra 5,40 e 5,55 miliardi di dollari. Kent B. Foster, chairman e ceo di Ingram, si è dichiarato ottimista per il futuro dellazienda e riguardo il potenziale che è in grado di esprimere.