Ingram Micro: Uno showcase fatto di contenuti e di cloud

News

Sergio Ceresa, a capo di Ingram Micro Italia, spiega la svolta a Showcase 2011: meno vetrina e più contenuti con un approfondimento sul cloud computing a cura di Jason Beal, senior director, services and cloud computing Ingram Micro Emea

Oltre mille partecipanti presso l’area espositiva dei 60 vendor presenti allo Showcase 2011 di Ingram Micro Italia.

Quest’anno abbiamo cambiato il formato dello Showcase: fino all’anno scorso l’obiettivo era quello di presentare i prodotti, quest’anno abbiamo dato contenuti e spunti per capire e aiutare il canale. Abbiamo deciso di farlo ora perché pensavamo fosse il momento più corretto, non creiamo sovrapposizioni con i vendor e poi abbiamo esteso geograficamente la rosa dei clienti invitando circa un’ottantina di clienti dal sud e precisamente scelti tra Puglia, Roma e Sicilia”, ha spiegato Sergio Ceresa, acting managing director Ingram Micro Italia.

Sergio Ceresa

Ceresa si è soffermato sull’intervento che Gfk, nella persona di Antonio Besana, direttore commerciale Gfk Retail and Technology Italia, ha tenuto durante la mattinata, in apertura dello Showcase.

Abbiamo parlato di convergenza di vendita tra consumer electronics e It, una conversione che vede la vendita di prodotti consumer electronics anche attraverso il canale btob. Besana – spiega Ceresa – ha ricordato come il segmento degli smartphone aiuti la crescita del canale un aiuto che arriva da un mercato di sostituzione. Gfk ha sottolineato poi il discorso notebook. Questi crescono nella classifica ma non così tanto come ci si aspettava. Questa fa capire come sia in atto un cambiamento tra i device di connettività”.

Un altro argomento caldo è quello del cloud computing, che in Italia deve fare i conti con le limitazioni di banda. Preso atto che anche per il canale è importante parlare di cloud, Ingram Micro ha deciso di informare, di portare a conoscenza dei rivenditori e dei vendor alcune tecniche per creare il business.

Fautore di queste iniziative è Jason Beal, senior director, services and cloud computing Ingram Micro Emea, che ha portato avanti un’iniziativa europea detta channel transformation, in partnership con i vendor per fare cultura sul cloud.

Jason Beal

“Dobbiamo fare cultura anche sul mercato Smb – continua Ceresa- affinché queste imprese si fidino di noi e la channel transformation alliance, partita dal nord Europa e sbarcata ora anche nel nostro paese afa capire al dealer come muoversi in questo ambiente non familiare. Per il futuro ci concentreremo su tre macro aree: vendita di prodotti, servizi più prodotti e cloud. Su quest’ultimo fronte – continua Ceresa – diciamo ai rivenditori che si tratta di una trasformazione necessaria ma non si devono spaventare. Jason Beal ha spiegato alla platea come si realizza un business plan e come si fa a identificare un business; costruiremo poi un sito, daremo contenuti e aiuteremo i rivenditori a entrarne in contatto”.

“Abbiamo fatto capire il nuovo business model, tranquillizzando la platea e abbiamo spiegato ai reseller che possono decidere se vendere cloud o diventare service provider ai fini dell’integrazione delle soluzioni”, ha spiegato Beal.

Infine, Ceresa ha parlato della divisione a valore perché “riteniamo che il supporto specialistico ai prodotti sia fondamentale”, poi un doppio investimento sulla logistica e, infine, la rivisitazione di Universo Servizi, grazie alla partnership strategica con Digitronica, “per coprire sul web i servizi e allargare l’orizzonte del rivenditore che può così investire in valore aggiunto. Per il futuro il business model sarà rivisitato , penso che in Italia, questo modello ibrido resterà ancora, parlo del connubio prodotti e servizi”, conclude Ceresa.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore