Invitalia, dal 10 giugno apre lo sportello per le domande sul Contratto di Sviluppo

News

Dal 10 giugno 2015 apre lo sportello online sul sito di Invitalia per agevolare la presentazione delle domande relative al Contratto di Sviluppo, diretto a imprenditori italiani ed esteri e punta a favorire la riqualificazione settoriale, lo sviluppo di filiere, il riposizionamento competitivo delle imprese

Con una dotazione finanziaria di 250 milioni di euro, apre sul sito Internet di Invitalia, il 10 giugno lo sportello online per la presentazione delle domande di agevolazione per il Contratto di Sviluppo, il principale strumento di politica industriale del nostro Paese per realizzare investimenti strategici e innovativi di grandi dimensioni nel settore industriale, turistico e di tutela ambientale. E’ questo quanto prevede una nota di Invitalia.

Le risorse finanziarie, che provengono dal Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020, sono destinate per l’80% al Mezzogiorno e per il 20% alle regioni del Centro-Nord e potranno essere incrementate ulteriormente con i fondi della Programmazione Comunitaria e nazionale.Pubblica Amministrazione Soldi

Il Contratto di Sviluppo è diretto a imprenditori italiani ed esteri e punta a favorire la riqualificazione settoriale, lo sviluppo di filiere, il riposizionamento competitivo delle imprese, l’innalzamento dei livelli di efficienza nella salvaguardia dell’ambiente, l’attrazione degli investimenti esteri e la promozione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione.

La recente normativa ha stabilito che i programmi di sviluppo possano essere realizzati in forma congiunta anche attraverso il Contratto di Rete, che elimina di fatto i vincoli dimensionali ai progetti dei diversi partecipanti. Le agevolazioni possono arrivare al 75% dell’investimento ammissibile. Nei limiti della normativa europea, l’impresa può negoziare un mix di contributo a fondo perduto, mutuo agevolato (durata massima di 10 anni, tasso pari allo 0,3%, assistito da idonee garanzie) e contributo in conto interessi.

I risultati finora raggiunti, in poco più di 3 anni, sono stati approvati 51 Contratti di Sviluppo, che hanno creato o salvaguardato 29 mila posti di lavoro e attivato investimenti per 1,82 miliardi di euro, dei quali oltre il 40% provenienti da imprese estere. Le agevolazioni pubbliche concesse ammontano a 925 milioni. Le iniziative finanziate coprono diversi settori: dall’alimentare all’aerospazio, dal turismo alle telecomunicazioni, dal commercio al farmaceutico, anche se la parte del leone la fanno i settori innovativi e tecnologici con circa il 50% degli investimenti finanziati.

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore