Iomega corre verso le Pmi e certifica 30 nuovi partner

News

Giacomo Mosca, key account manager Iomega Italia, presenta i prodotti posizionando le nuove soluzioni nel panorama dell’offerta Iomega

Iomega arricchisce il proprio portafoglio di soluzioni per lo storage di rete con i NAS della serie StorCenter PX, sia in versione desktop sia in versione rack.

Giacomo Mosca, key account manager Iomega Italia, introduce la presentazione dei prodotti posizionando le nuove soluzioni nel panorama dell’offerta Iomega: “I Nas StorCenter Px si collocano tra i sistemi entry level della serie iX e i sistemi di fascia alta X12. La serie px (dove P sta per Performance) va proprio a colmare una lacuna nella nostra proposta, tra i sistemi di fascia bassa e quelli enterprise e sono pensati per la media impresa fino a un centinaio di utenti”.

Da inizio anno Iomega si è focalizzata sempre di più su soluzioni e offerte prodotto B2B, senza abbandonare gli altri target. Gli investimenti e gli sforzi si concentrano ora sul mercato aziendale, anche per quanto riguarda il canale. Nel 2010 Iomega ha già presentato il Premier Partner Program e ad oggi ha raggiunto per questo programma i 30 partner certificati.

Premier Partner Program già si innesta sul programma IoClub, dedicato ai rivenditori (circa 6mila), i 30 partner attuali rappresentano una sorta di ‘secondo livello’, sono partner di medie dimensioni che sposano il progetto Iomega e promuovono le soluzioni nelle PMI. I partner di secondo livello sono distribuiti su tutto il livello nazionale e supportano le aziende sia in prevendita che in post-vendita. Parallelamente, Iomega ha sviluppo le sinergie con Emc, che l’ha acquisita: ora il team Iomega sfrutta i gruppi di lavoro Emc sia per il software che per l’hardware. In questo modo soluzioni di classe enterprise sono a disposizione, a scalare, anche su prodotti di fascia più bassa, ovviamente in un range di prezzo inferiore.

E’ questo il caso dei prodotti StorCenter px4-300d e px6-300d. Il primo numero qualifica il numero dei dischi installabili e invece la lettera “d” identifica il form factor. Assieme a questi Iomega rende disponibile infatti anche il modello px4-300r, montabile a rack. Sono tutti prodotti che soddisfano le esigenze di scenari operativi come quelli bancari e governativi, dove si devono coniugare risorse storage importanti (centrali) con quelle necessarie a uffici periferici, di piccole dimensioni, e dislocati sul territorio che hanno esigenze sostanzialmente diverse e si configurano proprio come piccole imprese.

Rispetto alle serie precedenti con questi prodotti cambiano le prestazioni perché devono essere serviti gruppi di lavoro sensibilmente più grandi, i NAS si basano su Intel Atom sulle serie “d” e Celeron sulla serie “r”. Si possono montare anche dischi allo stato solido e con la soluzione px6, che può lavorare in Pool Storage, si possono anche configurare ambienti misti con un Raid configurato tra due dischi SSD e un altro Raid per i rimanenti dischi tradizionali. Il sistema operativo, LifeLine di Emc, tramite cui si gestiscono queste soluzioni è basato su Linux Debian, può lavorare in ambienti Windows, Mac e Linux con i relativi protocolli. Per la virtualizzazione sono certificate sia soluzioni Vmware sia Citrix e si può arrivare a far gestire ai Nas StorCenter px fino a oltre 100 desktop virtuali. E’ stato inoltre riscritto completamente il supporto per Active Directory. Per quanto riguarda la capacità complessiva dei Nas, essi possono gestire fino a 18 Terabyte. I Nas sono inoltre dotati di una porta USB 3.0 aggiuntiva per il backup immediato su supporto esterno, tramite un pulsante dedicato (OneTouch).

Per la recente partnership con Axis, il vendor di soluzioni di videosorveglianza su IP, sono direttamente supportate le videocamere Axis. Per le esigenze software delle diverse realtà che decidono di avvalersi di StorCenter PX, Iomega mette a disposizione un kit di sviluppo per personalizzare il sistema di gestione software ed eventualmente aggiungere app e plug-in. I servizi di Personal Cloud sono direttamente rappresentati sull’interfaccia di gestione, così come i tool server per la condivisione dei file multimediali e delle risorse da destinare ai social network più conosciuti.

Personal Cloud

Il servizio su cui più spinge Iomega in questa fascia di prodotto è Personal Cloud. Non solo sui NAS StorCenter PX è possibile creare velocemente con un wizard le VPN necessarie per la condivisione e il caricamento dei file, ma anche allineare le risorse di diversi sistemi NAS in una vera Private Cloud accessibile non solo con il computer ma, tra qualche mese, anche con i dispositivi mobile iPad, iPhone e dalla fine dell’anno con i device Android, sempre tramite un piccolo client software. Il concetto di Personal Cloud (la tecnologia proprietaria Emc/Iomega) prevede che si possa “agganciare” lo storage non solo a un singolo server, ma si possa ‘diffonderlo’ su una rete distribuita, e quindi fino a 250 Nas Iomega possono entrare a far parte della cloud siffatta. Non è più quindi necessario riferirsi a un service provider per un servizio di questo tipo, ma si può implementare mantenendo una soluzione storage economica on premise  anche con conoscenze tecniche di base. In più con Personal Cloud non ho solo la ridondanza dei dati per la configurazione Raid all’interno di un singolo server , ma gli stessi Nas in ridondanza tra loro.

I sistemi Iomega StorCenter px4-300d (desktop) sono disponibili a un prezzo di entrata di 800 euro (Iva esclusa, senza dischi). La configurazione migliore con quattro dischi, da 3 Terabyte ognuno, costa 1.999 euro (Iva esclusa). Cento euro in più (899 euro) è il prezzo di StorCenter px6-300d senza dischi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore