La concorrenza ridisegna l’organigramma di Apple

CarriereNews
Apple@shutterstock

Con una nota ufficiale Apple annuncia la partenza di Scott Forstall, il vice presidente in carica per il sistema operativo iOS sui dispositivi mobili così come l’addio di John Browett a capo del retail da alcuni mesi

La concorrenza ridisegna l’organigramma di Apple. Apple annuncia rivoluzioni e cambi di poltrone nel proprio staff. Con una nota ufficiale Apple annuncia la partenza di Scott Forstall, il vice presidente in carica per il sistema operativo iOS sui dispositivi mobili così come, l’addio di John Browett a capo del retail da alcuni mesi.

Questa notizia non è passata inosservata, alla luce dei recenti sviluppi commerciali dei vendor competitor.

Basti pensare a Samsung, Google, con il Nexus e Microsoft e la sua capacità di reinventarsi come fornitore di hardware, così come è fresca e sotto gli occhi di ttuti l’andamento delle ultime trimestrali di Apple e Samsung. Tutto questo non è sfuggito ad Ajay Bhalla, Professore di Global Innovation presso la Cass Business School di Londra, che ha così commentato la rivoluzione ai vertici di Apple.

Ajay Bhalla
Ajay Bhalla 

Tim Cook non può permettersi di lasciare l’immagine magica di Apple disintegrarsi sul mercato. Con Google e Samsung al contrattacco e la determinazione di Microsoft di reinventarsi come fornitore di hardware, può ancora essere il momento per Apple di pensare a nuove categorie di prodotti e nuovi potenziali clienti”, afferma Bhallae continua “Questa è la prima agitazione seria ai vertici di Apple. Il gigante non è più nella zona di comfort in cui si trovava un anno fa. L’euforia intorno al lancio dell’iPhone5 sta evaporando. Con Google all’offensiva e il lancio di Nexus 4 e 10 alla metà del prezzo dei prodotti Apple – Apple si trova in difficoltà. Ma quanto tempo ancora Apple si potrà permettere di vendere i propri prodotti a questi prezzi? Ciò dipende dalla perfezione di iOS sui dispositivi, e sul fattore innovazione esercitato sul cliente”, conclude Bhalla.

Secondo una nota di Apple e ripresa dall’Ansa, nell’ambito dei cambiamenti, decisi per “favorire ulteriormente la collaborazione fra i team hardware, software e servizi dell’azienda Jony Ive, Bob Mansfield, Eddy Cue e Craig Federighi aggiungeranno maggiori responsabilità ai propri ruoli”. “Siamo in uno dei periodi più prolifici di innovazione e nuovi prodotti nella storia di Apple” afferma Tim Cook, l’amministratore delegato di Apple.

I prodotti incredibili che abbiamo introdotto nel mese di settembre e ottobre, iPhone 5, iOS 6, iPad mini, iPad, iMac, MacBook Pro, iPod touch, iPod nano e molte delle nostre applicazioni, non potevano che essere creati in Apple ed essere il risultato diretto della nostro continuo impegno verso la stretta integrazione fra hardware, software e servizi”.

Jony Ive fornirà guida e direzione per la Human Interface (HI) in tutta l’azienda, oltre al suo ruolo di responsabile dell’Industrial Design. Eddy Cue assumerà la responsabilità aggiuntiva di Siri e Mappe, mettendo tutti i servizi online in un unico gruppo.

Craig Federighi guiderà sia iOS che OS X. Bob Mansfield guiderà un nuovo gruppo, Tecnologie, che combina in un’unica organizzazione tutte le squadre wireless di Apple in tutta l’azienda, promuovendo l’innovazione in questo settore a un livello ancora più alto.

Questa organizzazione comprenderà anche le squadre di semiconduttori, che hanno piani ambiziosi per il futuro. “John Browett lascia Apple. La ricerca di un nuovo responsabile del Retail è in corso e nel frattempo, il team Retail riporterà direttamente a Tim Cook”.

L’organizzazione Retail di Apple ha una rete incredibilmente forte di leader sia nei negozi che a livello regionale che continuerà l’ottimo lavoro che è stato fatto negli ultimi dieci anni per rivoluzionare la vendita al dettaglio con servizi esclusivi e innovativi per i clienti.

QUIZ – Quanto conosci Apple?

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore