La disoccupazione fa l’uomo ladro

News

Secondo il documento Retail Crime in the Recession i rivenditori lamentano un incremento di furti in quasi tutti i negozi che provoca, tra le altre, un aumento della pressione sui margini. Sono aumentati i furti da parte dei ladri ‘amatoriali’

Parallelamente al rallentamento economico che colpisce le vendite, i rivenditori si trovano ora ad affrontare un notevole incremento di quasi tutti i tipi di furti nei negozi, che hanno colpito tutti i mercati verticali.

L’aumento di furti nei negozi, il furto da parte dei dipendenti, il furto con scasso, le rapine, la criminalità organizzata e la frode nei negozi hanno aumentato la pressione sui margini. Il nuovo White Paper su “Retail Crime in the Recession” (criminalità nei punti vendita in periodi di recessione), commissionato da Checkpoint Systems e pubblicato dall’istituto di ricerca internazionale Centre for Retail Research, autore dell’annuale ricerca “Global Retail Theft Barometer” (Il Barometro Mondiale dei Furti nel Retail), mostra come sono cambiate le tipologie di furti nei negozi anche in Europa.

I dati raccolti sia tra i retailer sia tra le forze di polizia mostrano che l’aumento della disoccupazione in alcuni paesi ha portato a un aumento della criminalità nei negozi.

Le cifre raccolte dalla polizia mostrano che i furti nei negozi sono aumentati con punte fino al 22% in Uk. Molti retailer affermano che sono aumentati i furti da parte di ladri “amatoriali” oltre ai furti da parte della criminalità organizzata, i cui importi sono notevoli, e la violenza e l’intimidazione dei lavoratori.

Ma il problema non è limitato al furto da parte dei clienti. Un rapporto sui furti commessi dai dipendenti in 392 imprese manifatturiere e di servizi mostra che il 18% dei retailer ritiene che il furto di denaro contante dalla cassa da parte dei dipendenti sia aumentato rispetto all’anno precedente e quasi un quarto ha detto che sono aumentati gli altri reati contro la proprietà da parte dei dipendenti.

Anche se ci sono alcune variazioni in questa tendenza, il White Paper pubblicato dal Centre for Retail Research sostiene che non vi è un rapporto diretto tra l’aumento delle perdite causate dalle differenze inventariali e la riduzione dei budget per la prevenzione delle perdite.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore