La Rete protagonista delle elezioni Usa

News
obama, usa, rete, elezioni, presidente, stati uniti@shutterstock

La notte delle elezioni di Obama a presidente degli Stati Uniti è stata seguita con 31 milioni di Tweet (di cui 23 milioni fra le 18 e mezzanotte), dirette online, mappe interattive. video condivisi, applicazioni a tema e messaggi virali

La Rete (Internet, blog, Twitter e Social media) è stata una delle protagoniste nelle elezioni Presidenziali Usa che hanno decretato la vittoria di Barack Obama a presidente degli Stati Uniti.

La notte delle elezioni è stata seguita con 31 milioni di Tweet (di cui 23 milioni fra le 18 e mezzanotte), dirette online, mappe interattive. video condivisi, applicazioni a tema e messaggi virali, anche i Big data hanno avuto la loro parte sul blog FiveThirtyEight. Il Tweet della foto dell’abbraccio fra Barack e la moglie Michelle è stato il più retwettato nella storia di Twitter.obama, usa, rete, elezioni, presidente, stati uniti@shutterstock Il precedente record del micro-blog erano 10 milioni di Tweet nel primo dibattito presidenziale dello scorso 3 ottobre, e poi i 20 milioni di Tweet per l’uragano Sandy che ha devastato New York e la costa Est.

Secondo Pew Internet & American Life Project il 22% degli americani ha pubblicato il proprio voto tramite Social Media, rendendo Facebook e gli altri social – de facto – la 51esima stella sulla bandiera statunitense. E Twitter è stato il terreno di scontro preferito fra i due strateghi, Eric Fehrnstrom per Romney e David Axelrod per Obama.

Dante Scala, professore di Scienze Politiche alla University of New Hampshire, ha commentato a Reuters: “Il twitterverse plasma le news e l’opinione pubblica” , aggiungendo: “Internet è davvero uno strumento reale e potente nella politica.” Se già non si era capito nel 2008, i social media diventano il terreno di battaglia e parte integrante della meccanica elettorale: chi sa dominare la strategia social media più aggressiva, riuscirà a vincere.

Secondo il sito www.aciclico.com i piani di Obama per il web e la tecnologia. Il presidente degli Stati Uniti ha messo nero su bianco: l’opposizione alla condivisione di file illeciti sul Web; l’impedimento della discriminazione degli utenti in Rete e la protezione dei whistleblower (impiegati governativi leali che rivelano informazioni su frodi, sprechi e abusi governativi in stile Wikileaks)

Quanto conosci Twitter? Mettiti alla prova con un QUIZ!

Sei un esperto di Facebook? Misurati con un QUIZ!

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore