La Ue appoggia Business-e sul monitoraggio della privacy

News

Business-e lancia il progetto VisiOn iniziativa sovvenzionata dall’Unione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020 che porterà alla creazione di una piattaforma tecnologica che consentirà ai cittadini dell’Unione di gestire e monitorare direttamente la propria privacy attraverso un accordo personale stipulato con la stessa Pubblica amministrazione

Gestione della privacy in ambito europeo. La società del gruppo ITway che si occupa di consulenza It, Business-e, lancia il progetto VisiOn.

Si tratta di un’iniziativa sovvenzionata dall’Unione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020 che porterà alla creazione di una piattaforma tecnologica di gestione visiva della privacy. La piattaforma sarà fornita alle Pubbliche Amministrazioni locali e centrali e consentirà ai cittadini dell’Unione di gestire e monitorare direttamente la propria privacy attraverso un accordo personale stipulato con la stessa Pubblica amministrazione. VisiOn

Questa piattaforma fornirà all’utente la possibilità di esprimere le preferenze in termini di privacy, la conoscenza delle potenziali minacce e aspetti legati alla fiducia, e infine la consapevolezza del valore economico dei propri dati e, dal lato dell’organizzazione, una visione delle aspettative dell’utente e dei livelli di privacy da rispettare.

Grazie alla piattaforma VisiOn, le Pubbliche amministrazioni avranno a disposizione indicatori e strumenti per migliorare la trasparenza delle proprie operazioni e renderne debitamente conto ai cittadini. Grazie a servizi online aperti e dinamici quali il Cloud Computing, i Big Data e l’Internet of Things, scambiarsi informazioni è diventato semplice e rapido, con una disponibilità 24/7.

Di contro, soprattutto tra i privati cittadini, rimane riluttanza a utilizzare questi servizi, soprattutto a causa di una percepita perdita di controllo della privacy dei propri dati. Questo scenario diventa ancora più complesso quando si entra nell’ambito della Pubblica Amministrazione, che gestisce i dati di milioni di cittadini, i quali non hanno la libertà di negare il permesso di trattare i propri dati, come invece può avvenire con le aziende commerciali. privacyPer questo motivo, migliorare l’operatività, i servizi e l’efficienza della Pubblica Amministrazione con una gestione efficace dei dati è una questione di interesse globale. Nella gestione dei dati, le PA devono essere trasparenti, fornire servizi sicuri e affidabili e rendere conto ai cittadini.

Ci sono diversi modi per definire la privacy; in generale si può parlare della privacy di un individuo come del suo diritto a essere lasciato in pace (percezione comune del concetto), ma nello specifico VisiOn si occuperà della privacy dei cittadini in termini della possibilità che un individuo ha di controllare, modificare, gestire e cancellare informazioni che lo riguardano e decidere in che termini tali informazioni possano essere comunicate a terzi”, ha dichiarato Loredana Mancini, Chief Operating Officer di Business-e e Coordinatore del Consorzio VisiOn. “La protezione della privacy si ottiene non solo mettendo in sicurezza le informazioni personali, ma anche assicurando un rapporto di fiducia fra il cittadino e la Pa”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore