La Worldwide Developers Conference di Apple partirà l’11 giugno 2012

News
borsa, economia, risultati economici

Dall’11 al 15 giugno a San Francisco si terrà la Worldwide Developers Conference di Apple, la prima edizione senza Steve Jobs. Intanto in casa Apple tirano le somme sulle vendite dell’ultimo trimestre chiuso il 31 marzo 2012

Apple terrà la Worldwide Developers Conference il prossimo 11 giugno a San Francisco al Moscone West.

La conferenza annuale, in cui si parla di nuovi software e tecnologie, sarà la prima senza Steve Jobs. Per cinque giorni, dall’11 al 15 giugno, gli sviluppatori potranno conoscere le evoluzioni di iOs e OS, i sistemi operativi di iPhone e Mac, in modo da creare nuove applicazioni. Sono previste inoltre più di 100 sessioni tecniche presentate da ingegneri della casa di Cupertino, oltre agli ‘Apple Design Awards’ con le applicazioni più significative dell’ultimo anno. “Il WWDC di quest’anno sarà eccezionale – ha detto in un comunicato Philip Schiller, vice presidente Worldwide Product Marketing di Applee non vedo l’ora di condividere le novità di iOs e Os X Mountain Lion con gli sviluppatori. La conferenza sarà un’occasione per gli sviluppatori per esplorare le ultime innovazioni, caratteristiche e potenzialità dei due sistemi operatovi nonché di imparare a ottimizzare le funzionalità, performance e qualità delle loro applicazioni. Potranno persino portare il proprio codice e lavorare fianco a fianco con gli ingegneri della Apple che forniranno loro assistenza e approfondimenti sulle migliori tecniche di sviluppo di app”.

Intanto, le agenzie battono la notizia che Apple e Samsung Electronics sono detentori di più della metà del  mercato degli smartphone. Dopo aver parlato di loro a proposito della guerra sui brevetti, ora risalgono alla ribalta dei numeri. Apple ha chiuso il secondo trimestre fiscale 2012, conclusosi il 31 marzo 2012 con un fatturato di 39,2 miliardi di dollari e un utile netto trimestrale di 11,6 miliardi di dollari. Il margine lordo è stato del 47,4%, rispetto al 41,4% registrato nello stesso trimestre di un anno fa.

Le vendite internazionali hanno rappresentato il 64% del fatturato trimestrale. L’Azienda ha venduto 35,1 milioni di iPhone durante il trimestre, dato che rappresenta una crescita in unità del 88% rispetto allo stesso trimestre di un anno fa. Apple ha venduto 11,8 milioni di iPad durante il trimestre, dato che rappresenta una crescita in unità del 151% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso. Apple ha venduto 4 milioni di Mac durante il trimestre, dato che rappresenta una crescita del 7% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Apple ha venduto 7,7 milioni di iPod durante il trimestre, dato che rappresenta una diminuzione in unità del 15%  rispetto al trimestre dell’anno scorso. Secondo il Wall Street Journal, le due società vendono quasi metà dei cellulari avanzati e hanno messo ai margini concorrenti come Nokia e Rim. Le loro strategie sono molto diverse. Apple vende solo un telefono, l’iPhone, e investe pesantemente nel suo marchio e nel controllo della catena di distribuzione, traendo benefici dall’ecosistema di software e applicazioni. Samsung crea versioni multiple di numerosi prodotti e massimizza i profitti controllando l’attività manifatturiera.

Ciascuna ha una quota del mercato globale vicina al 25%, secondo i dati di Idc. Entrambe hanno guadagnato terreno in un anno: nel quarto trimestre del 2011 Apple è arrivata al 23,5%, dal 16 dello stesso periodo del 2010; Samsung è passata dal 9,4 al 22,8%. La battaglia per la supremazia ha già causato scontri. Nell’aprile dell’anno scorso Apple ha citato in giudizio Samsung per presunta violazione di brevetti; Samsung ha risposto con un’azione legale; procedimenti giudiziari sono in corso in nove paesi. Al tempo stesso le due compagnie hanno imparato a lavorare insieme: Apple è la principale cliente della divisione componenti di Samsung, che produce schermi e chip. Non è detto che la corsa continuerà a essere a due. L’industria dei cellulari si è distinta per i suoi rapidi cicli. Sono in atto manovre difensive per reagire al dominio di Apple e Samsung.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore