Lanci (Lenovo) sfida il mercato e vede una crescita costante nel mercato Pc

Strategie

Gianfranco Lanci, senior vice president di Lenovo Group e presidente di Lenovo per la regione Europa, Medio Oriente e Africa, in un’intervista a Milano Finanza spiega che solo fra qualche trimestre ci sarà una ripresa per i Pc, nonostante una situazione economica complessa

“La situazione economica è complessa, ma i presupposti per vincere la sfida ci sono a mio avviso tutti. Il mercato dei pc, per esempio, continuerà a crescere nonostante quanto pensino i suoi detrattori”. In un’intervista a Milano Finanza, Gianfranco Lanci, senior vice president di Lenovo Group e presidente di Lenovo per la regione Europa, Medio Oriente e Africa, ha dato il suo punto di vista sull’andamento economico e l’impatto dei device sull settore.

Se da un lato le società di analisi (Asssinform, Assintel, Idc, solo per citarne alcune) si passano la palla del dato con il segno meno, dall’altro c’è il governo tecnico che rassicura e, da ultimo, Vittorio Grilli, vicemenistro all’economia, che anticipa  come la riopresa potrebbe già esserci dal terzo trimestre del 2012 e non dal 2013 come da più parti indicato.

Intanto, Lanci a Milano Finanza ha aggiunto che “se guardiamo i dati del primo trimestre a livello globale notiamo già segni di ripresa, sebbene ancora modesti. Indubbiamente i tablet hanno qualche influenza, ma le difficoltà del settore sono legate essenzialmente alla grave crisi che stiamo vivendo, specialmente nel mondo occidentale e in particolare in Europa nel suo insieme. Credo dovremo attendere qualche altro trimestre per tornare a una crescita significativa e stabile, ma il mercato dei pc ha sviluppi positivi davanti a se’”.

A chi gli chiedeva se secondo lui il mercato potesse definirsi saturo, Lanci ha risposto di “no. Assolutamente. Se pensiamo ai mercati emergenti, il cui peso è già fondamentale e continuerà a crescere, il tasso di penetrazione è ancora basso a fronte di una crescita economica importante. Ma anche nei mercati maturi siamo ben distanti da avere un pc a persona, che è invece una tendenza a livello di utilizzo sempre più sentita”.

Era di qualche mese fa la classifica di Gartner che registrò una crescita del mercato Pc del 3,2% ma fece balzare agli onori della cronaca il vendor di Pc cinese, Lenovo, al secondo posto in classifica, preceduto solo da Hp e beneficiando del crollo di Acer del 23%.

Di strada, la società ne ha fatta, sia attraverso prodotti e brand come Think (pad) ereditato da Ibm e mai mandato in pensione, sia per il lancio del nuovo brand, più consumer, Idea, a cui ha fatto seguito l’importante acquisizione di Medion.

Di certo, lo scorso anno, Lenovo ha anche beneficiato sia dello scivolone toccato ad Acer e alle proprie politiche strategiche e di prodotto, sia del continuo tira e molla di Hp legato alle notizie, poi rientrate, di un possibile abbandono del mondo dei Pc. A Lenovo ha fruttato la joint venture con Nec in Giappone, oltre a un marketing aggressivo sia nel segmento professionale sia consumer.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore