Lavorato (Netgear): nel vortice del cloud e della virtualizzazione

Strategie

Natale Lavorato, Managing Director Southern Europe CBU di Netgear, spiega la strategia della società alla luce della nuova organizzazione della società in due divisioni: business e retail

Virtualizzazione, cloud mobility e security. Sono queste alcune delle richieste più importanti che sono giunte a casa Netgear.

La società ha messo le mani sulla propria organizzazione ristrutturando le divisioni business e retail, la prima delle due risponde a Natale Lavorato, Managing Director Southern Europe CBU di Netgear, che Channel Insider ha sentito per parlare di questo e di altre mosse strategiche. “Che la crisi economica stia ancora impattando sui budget delle aziende è sotto gli occhi di tutti. I clienti hanno meno soldi da spendere oppure restano in attesa di qualche nuovo segnale incoraggiante. Ora la nostra risposta a questa situazione è la creazione di prodotti ad hoc che rispondano alle esigenze degli stessi clienti. Soluzioni e programmi di canale che devono andare incontro sia alle esigenze di spesa inferiori delle aziende sia rispondere a nuovi standard di affidabilità e sicurezza delle nuove infrastruttura di rete”, spiega Lavorato, che entra nel merito sul programma di canale.

Netgear ha lanciato il programma di canale introducendo due certificazioni: platinum e platinum plus. Dei 3 mila rivenditori circa che lavorano con noi, un centinaio ha ottenuto una o entrambe le certificazioni aderendo al programma di certificazione attraverso un training sulle quattro aree principali che affrontiamo (switch, security, wireless e storage). I partner del livello platinum hanno un extra sconto e un manager di Netgear che li segue sul territorio in cui operano, hanno promozioni dedicate, visibilità sul sito, supporto tecnico e proprietario e, per i partner platinum plus, un supporto per partecipare a gare e rebate ad hoc”.

E gli altri partner che non hanno questa certificazione? “Hanno un portale dedicato a cui attingere informazioni e non sono lasciati a loro stessi perché Netgear li osserva sia dal punto di vista comportamentale sia da come si ‘muovono’ sul mercato”, conclude Lavorato.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore