Leproux (TeamSystem): non è ancora tempo di fare la dichiarazione dei redditi con lo smartphone

Strategie
Stefano Matera, TeamSystem
1 1 Non ci sono commenti

Durante l’ultima convention di TeamSystem i vertici della società hanno sottolineato l’attenzione verso partner di canale digitale e il lancio della piattaforma TeamSystem Store. Ma attenzione, qualcosa deve ancora restare on premise e non in cloud

Digitalizzazione? Si, ma attenzione a non generalizzare e a non considerare che tutto si possa fare con uno smartphone o un tablet. Compilereste la vostra dichiarazione dei redditi o terreste la vostra contabilità con lo smartphone? Quasi certamente questo è un punto di riflessione e di riflesso ci si deve interrogare sulla selettività della digitalizzazione o sull’aspetto più intelligente di utilizzo del cloud, perché non è così automatico pensare che tutto possa essere trasferito in cloud, alcune cose devono restare on premise.

E’ questo, in sintesi, uno dei passaggi di punta messo nero su bianco da Federico Leproux, amministratore delegato del gruppo TeamSystem, che pone l’accento sul tema centrale della trentasettesima edizione dell’evento che, quest’anno per la prima volta, ha riunito a Rimini non solo i partner di canale ma anche alcuni dei migliori o dei potenziali clienti, per dare un segnale e ascoltare le esigenze che arrivano anche dagli stessi clienti.

Federico Leproux
Federico Leproux

Il tema centrale della convention, che ha visto 1400 partecipanti di cui 300 clienti, è stata la Digital transformation proprio quel mercato, il digitale, al centro dell’attenzione durante l’anticipazione dei dati sul mercato digitale in Italia di Assinform. Secondo la società, infatti, nel giro di un anno, il mercato digitale italiano ha recuperato terreno passando dal -1,4% del 2014 al +1% del 2015 e a una previsione annua 2016 del +1,5%.

Tornando a TeamSystem, Leproux tocca, durante il suo intervento sul palco, tre macro temi che saranno articolati in: collaboration, digitalizzazione dei processi e presenza digitale, declinandoli su: “open platform che sia modulare e flessibile; cloud ready ma visto in modo selettivo e non fanatico. Non tutto sarà messo in cloud, qualcosa resterà on premise, di certo ci sarà qualche idea sul cloud privato ma senza forzare nessuno a gettare la tecnologia in casa per partire subito con il cloud, miriamo a un equilibrio. Infine, investiamo sul know how, sempre di più – spiega Leproux – guarderemo alel competenze. E’ di questi giorni infatti l’acquisizione della società e-conomic, un player che sviluppa Erp per Pmi in cloud. Ecco – continua – ci siamo portati in casa competenze e vogliamo avere persone con la testa aperta a quello che succede nel mondo”.

Il cliente è al centro di ogni degna società che si rispetti e oggi, lo stesso cliente è da analizzare con maggiore attenzione non solo perché la concorrenza è più feroce ma anche perché la realtà in cui gli stessi clienti sono immersi è quanto mai complessa e interessante allo stesso tempo e sempre più digitalizzata appunto.TeamSystem Store

E oggi, con 220 mila clienti dei quali il 95% rinnova, 260 milioni di euro di ricavi a fine 2015 con crescita del 9,2% TeamSystem è pronta a fare un altro passo avanti sia sul fronte del canale sia appunto sul fronte delle competenze. In quest’ultimo caso si è parlato dell’acquisto di e-conomic, sull’altro fronte, Stefano Matera, direttore Marketing e direttore Commerciale Canale Indiretto del gruppo TeamSystem si domanda e rilancia dal palco me diventare partner digitali.

Stefano Matera
Stefano Matera

Oggi siamo di fronti a investimenti per il business digitale perché ci si è accorti che puntare sulla digitalizzazione, in alcuni segmenti, può portare ricavi aggiunti perché arrivano da settori che fino a poco tempo fa erano appannaggio di altre vie. Si pensi all’archiviazione che costringeva il professionista a dotarsi di spazi di storage fisici costosi e oggi può avvalersi di uno spazio virtuale, oppure all’avvento della fattura elettronica che, solo fino a cinque anni fa era impensabile. “Oggi questi risparmi si traducono in ricavi pregiati – dice Matera – e lo sono anche per il nostro canale e per il nostro portale rinnovato. Nel 2014 avevamo 40 mila iscritti e 13 mila paganti; oggi siamo a 125 mila iscritti e 48 mila paganti. Oggi è importante capire quanto spazio di crescita può avere il digitale e quali leve per diventare importati sul digitale. Per iniziare, TeamSystem ha investito in partnership strategiche con Microsoft, con Zuora, Oxatis, l’acquisto di Fattureincloud.it, l’acquisto di e-conomic; ci sono costati due anni di lavoro e oggi possiamo affermare di avere un’offerta che risponda alle nuove esigenze”.

Enrico Causero
Enrico Causero

TeamSystem ha strutturato il canale online in parallelo a quello tradizionale ma come si fa diventare partner digitale? “Si deve seguire il programma Var goes digital – spiega – scrivendo ai clienti per un’offerta digitale e facendosi conoscere come partner digitale. Il partner dovrà sviluppare campagne di comunicazione digitale e TeamSystem da ai partner gli strumenti per valorizzare l’offerta, anche attraverso un nuovo logo: TeamSystem Software & digital partner”.

A fianco a queste novità, è nato TeamSystem Store, un sito online, o meglio una piattaforma digitale sviluppata dalla società con Zuora, che rappresenta una vera e propria finestra di offerta cloud per Pmi e professionisti, anche prospect attraverso la quale saranno concentrati fondi marketing e favorirà il cross selling e affinerà le tecniche di vendita. Enrico Causero, direttore Saas e new business di TeamSystem, ha spiegato che questa piattaforma è in beta, è già online ma presto diventerà definitiva ed è studiata al punto che se un cliente di un Var compra online attraverso la piattaforma riceverà la fattura con l’intestazione del Var.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore