LetsBonus ringrazia mobile e i prodotti di qualità

RetailStrategie
Consuelo Bellavia, Letsbonus

Consuelo Bellavia, Sales Quality Director LetsBonus, spiega cifre alla mano quanto siano cresciute con gli anni le transazioni mobili e quanto la paltea degli acquirenti via LetsBonus si sia ampliata fino ad arrivare alla fascia d’età 45/50 anni

LetsBonus deve dire grazie al mobile e all’ampliamento delle linee di prodotto offerte, specie in qualità e prezzo, che hanno fatto alzare anche la platea dell’utenza media.

Siamo a fine anno e ChannelBiz si è interrogata sull’andamento del commercio online e sulle piattaforme online che, grazie a coupon e promozioni, stanno facendo tremare la distribuzione tradizionale.

Consuelo Bellavia, Letsbonus
Consuelo Bellavia

Consuelo Bellavia, Sales Quality Director, LetsBonus, risiede in Spagna ma ha la responsabilità del mercato italiano che conosce bene.  In generale,  il commercio online cresce grazie anche alla diffusione di smartphone e tablet.  Nel 2010, LetsBonus ha dovuto fare i conti con gli altri paesi europei e, in particolare, con la Spagna, tecnologicamente più avanti.

“Tra il 2010 e il 2011 – continua Bellavia – abbiamo registrato una grande differenza tra Spagna e Italia: la Spagna è stata molto più attiva rispetto all’Italia per quanto riguarda lo shopping online, mentre negli ultimi due anni si è registrata un’espansione del mobile. Nel 2013 l’Italia ha registrato un accesso pari al 38% agli smartphone, mentre il 6% dai tablet; nel 2014 stiamo registrando il 47% degli accessi via internet da smartphone e il 15% da tablet. Le visite da mobile – continua Bellavia – sono cresciute dal 20 al 30% mentre gli acquisiti da mobile sono cresciuti al 20%”.

Recenti dati dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm–Politecnico di Milano stimano per il 2014 una crescita delle vendite online dei siti italiani pari al 17%, per un fatturato stimato intorno ai 13,2 miliardi di euro. Sul fronte mobile si parla di un +289% rispetto al 2013, e di un’ulteriore crescita dell’85% nel corso del 2014, con un fatturato che toccherà quota 1 miliardo di euro. Il segmento mobile da solo vale già il 19% del commercio elettronico generale.

Attualmente, LetsBonus conta su 5 milioni di clienti in Italia. Il suo sito vanta 1,1 milioni di utenti unici al mese, per 3,5 milioni circa di pageview. Gli utenti sono in maggior parte donne, con il 65% rispetto al 35% degli uomini, ed il valore medio della transazione effettuata è di poco inferiore ai 50 Euro.

Bellavia spiega cosa significa fare comunicazione per LetsBonus. “Quando facciamo campagna, puntiamo sulla comunicazione e sulla differenziazione: selezioniamo il prodotto, la società e il tipo di target/clientela. Selezioniamo la tipologia di clientela al fine di fare operazioni promozionali o soluzioni agevolate”. “Abbiamo iniziato con un’utenza di età compresa tra i 25 e il 35 anni, con un profilo alto e nel corso del tempo la forbice si è allargata fino ai 45/ 50 anni. L’ampliamento di range di utenza è arrivata grazie all’introduzione di prodotti nuovi, per esempio, il fatto di lavorare con case di alta gastronomia dai prezzi più alti oppure con nuovi viaggi, cliniche mediche, ecc.”.

E per il futuro? LetsBonus ha in serbo qualcosa, di imminente, ma Bellavia non ha rivelato nulla; la concorrenza ha le orecchie ben tese.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore