L’evoluzione del canale di VMware passa attraverso il cloud. Ecco come

Strategie
Matteo Uva, Channel Manager VMware Italia

Matteo Uva, channel manager VMware Italia, spiega la strategia della società per i partner di canale che operano in una logica cloud. Ecco alcuni trend per il 2013 che il channel manager sottolineava lo scorso anno

VMware supporta il canale attraverso strumenti, attività e programmi che aiutino a sfruttare al massimo i benefici che il cloud abilita.
Proponiamo ai nostri Partner di continuare il percorso di evoluzione che hanno intrapreso insieme a noi passando dalla virtualizzazione dei server allo spostamento dei propri datacenter nei cloud privati e avviandosi oggi verso il modello del cloud ibrido.  Nel fare questo  – spiega Matteo Uva, channel manager VMware Italiaprestiamo una costante attenzione alle strategie di mercato e alla loro evoluzione per aggiornare costantemente i Partner sui cambiamenti dello scenario tecnologico in atto e sulle novità apportate da VMware alle proprie soluzioni”.

Matteo Uva, Channel Manager VMware Italia
Matteo Uva 

La proposta VMware per il canale è molto articolata e rivolge alla comunità dei Partner programmi di certificazioni e formazione specifici e puntuali attraverso gli Vmware Authorized Training Center (vATC) in tutto il mondo, oltre a specifici incentivi e all’identificazione di opportunità di business a breve e lungo termine. Lo scorso anno abbiamo chiesto a Uva quali fossero i trend del canale per il 2013, è disse: mobile, social (enterprise) e la svolta che le organizzazioni metteranno in campo per compensare la forza vendita. Uva spiega come, nel 2012, il canale sia cresciuto, con il 95%  del fatturato guidato dai partner.

Nel 2012, sottolinea il manager di VMware Italia, c’è stato un maggior focus sull’End User Computing, poiché le aziende sono consapevoli del trend crescente della consumerizzazione dell’It  e sanno di dover supportare i dipendenti che portano il proprio dispositivo al lavoro. Abbiamo anche visto un significativo spostamento verso i professional service e un generale spostamento verso il cloud, con vendite di hardware più basse. Inoltre, abbiamo notato che i rivenditori sono più focalizzati sull’end user e, di conseguenza, stanno definendo offerte personalizzate.
“Ecco alcuni trend  chiave nel 2013:
1) Software defined – continueremo ad assistere a uno spostamento dell’infrastruttura da fisica a software defined, con due grandi aree: software defined networking e sicurezza. Poiché molte aziende cercano strumenti che possano aiutarle a gestire e automatizzare l’IT da un punto centrale, il Canale deve essere preparato sulle soluzioni più appropriate per diversi business. Questo è qualcosa a cui certamente dedicheremo molto tempo insieme ai nostri Partner.
2) Dispositivi mobile  – poiché sono previste molte novità nel mercato dei tablet e degli smartphone nel 2013, molti dipendenti decideranno di usare il proprio dispositivo anche in ufficio. Il Canale aiuterà le aziende a trovare soluzioni semplici e sicure per accedere alle applicazioni di cui i clienti hanno bisogno per il proprio lavoro.
3) Modelli di compensazione – Credo che il prossimo anno assisteremo a un cambiamento su come le organizzazione compenseranno la forza vendita. I modelli esistenti stanno iniziando a diventare obsoleti, mentre I venditori  vengono ancora premiati per grosse vendite singole. Invece, occorrerà cambiare questo modello perché sia in linea con il modello cloud, così che i rivenditori ricevano un premio su vendite mensili più contenute, che è più valutabile nel lungo termine.
4) Enterprise social media – con i social media così pervasivi nella nostra vita, gli utenti ora chiedono di avere gli stessi strumenti anche nell’ambiente business. Gli early adopter hanno capito che migliorare il modo in cui si comunica con i colleghi ha ricadute positive anche sul business ed è quindi pensabile che ci sarà un’impennata negli strumenti di enterprise social nel 2013. Il Canale sarà fondamentale nell’aiutare le aziende a trovare gli strumenti giusti per il proprio business, così che non abbiamo solo la giusta funzionalità, ma che vedano anche garantito che tutte le informazioni siano al sicuro e condivise fra tutti.
5) Distribution consolidation – un’ultima cosa a cui fare attenzione per il Canale sarà il consolidamento della distribuzione, con una tendenza per cui sempre più i grandi distributori acquisiranno i propri concorrenti. Abbiamo già assistito a un paio di situazioni simili nel 2012, con Data Tech che ha acquisito SDG e credo ci saranno altre situazioni simili nel 2013”, scrive Uva.

Appuntamento con lo SPECIALE CLOUD di ChannelBiz: ogni giorno proporremo un’intervista a un manager delle più importanti aziende presenti in Italia impegnante nel cloud computing.
– Per conoscere la prospettiva sul Cloud computing per le piccole e media imprese, leggi anche lo SPECIALE CLOUD di ITespresso
– Per approfondire le strategie di vendita sul Cloud, leggi lo SPECIALE CLOUD di TechWeekEurope

Cosa conosci del cloud computing? Rispondi al nostro quiz

QUIZ – Sei in grado di scegliere il processore giusto?

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore