Lexmark tutela il canale da pratiche subdole e violazioni contrattuali dei partner

News
partner, meeting, business meeting@shutterstock

Lexmark si impegna a garantire un regime di concorrenza leale estendendo e formalizzando il programma di audit di canale anche per il 2014. Lexmark si avvale di questi audit da ormai quasi due anni e ora è pronta per estenderli e formalizzarli anche a tutto il territorio Emea

Lexmark si impegna a garantire un regime di concorrenza leale estendendo e formalizzando il programma di audit di canale anche per il 2014.

Queste attività riflettono l’impegno di Lexmark nei confronti dei propri partner di canale e sono volte ad abolire la violazione dei contratti e delle pratiche subdole, per garantire l’integrità del mercato attraverso un sistema di vendita trasparente. Grazie a verifiche regolari effettuate a campione, Lexmark è in grado di scoprire eventuali casi di abuso da parte dei partner di canale.accordi, accordo, meeting, business meeting@shutterstock

Lexmark si avvale di questi audit da ormai quasi due anni e ora è pronta per estenderli e formalizzarli anche a tutto il territorio Emea. Il risultato finale è rappresentato da un panorama equo e competitivo e da una maggiore fiducia dei partner nei confronti di Lexmark. Per offrire maggior visibilità lungo tutta la catena di approvvigionamento, Lexmark ha esteso la tracciatura tramite numero di serie del prodotto e la capacità di localizzazione, andando così oltre i propri sistemi interni. Di fatto, ogni singolo prodotto ha un numero di serie unico che oggi consente di tracciare l’articolo attraverso i partner diretti di Lexmark in tutta Europa.

Poiché il passaggio del singolo prodotto viene documentato dal primo punto di vendita fino al commerciante finale che vende all’utente, Lexmark è in grado di identificare e seguire con precisione le attività del mercato sommerso che derivano dalle offerte fraudolente e dall’importazione parallela della merce.

Questo programma si è dimostrato efficace nell’individuare sia i tentativi di frode che l’importazione parallela (e quindi illegale) di prodotti all’interno dello Spazio Economico Europeo (SEE). Grazie a questo sistema, Lexmark è in grado di arginare queste pratiche, applicare sanzioni adeguate – come la conclusione degli accordi sui prezzi o dei contratti di distribuzione – e, chiaramente, prevedere il risarcimento dei danni subiti.

 

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore