Liferay 2018: rafforzare il canale e la presenza diretta in Italia

Strategie
Var Group e Globo Informatica, alleanza per la trasformazione digitale

Moreno, VP of sales Emea e general manager South Europe e Diazzi, Business Development manager corporate sales, spiegano la strategia di Liferay. Oltre al canale, espansione del business su multiutility e retail e consolidamento banche e Pa

Rafforzare il canale e accrescere la presenza diretta in Italia. Espansione su multiutility e il retail e consolidamento nel settore bancario e della Pubblica amministrazioneSono questi gli obiettivi di Liferay , un’azienda fondata nel 2004 con sede a Los Angeles ma presente in Italia dal 2009. La società si occupa della produzione di software che aiuti le aziende a creare esperienze digitali sul web, dispositivi mobili e collegati. Carolina Moreno, VP of sales Emea e general manager South of Europe, spiega che l’azienda è presente in 16 paesi, con uno zoccolo duro in Europa centrale, punto di riferimento per clienti, partner. Centocinquanta partner in quaranta paesi per cinque milioni di download, in dodici anni l’azienda è passata da quattro a 800 impiegati. 

Carolina Moreno

Andrea Diazzi, Business Development manager corporate sales e Moreno, hanno riassunto in digital experience platform la loro attività, in particolare, vanno fieri del fatto di essere una open source company con una piattaforma unica e omnichannel che abbracci mobile a wearable. Da una tecnologia di portale orizzontale, la società si è evoluta e trasformata in una digital experience platform: meno tecnologia di integrazione e più user experience. I vertici dell’azienda hanno poi spiegato di aver disegnato il software come mobile first al fine di essere fruibile da mobile, quindi un passaggio di architettura, da software monolitico a modulare.

In Italia, la società opera oggi attraverso una decina di partner, di diverse dimensioni, al fine di soddisfare altrettanti clienti differenti. Il livello di questi partner spazia da Silver, Gold e Platinum, a seconda di volumi di vendita e dimensione. Diazzi spiega che i settori di punta in Italia sono il finance, l’assicurativo e la Pubblica amministrazione. “La Pa si affida all’opensource per scelte politiche; le banche hanno necessità di un customer portal per arrivare ai clienti con complessità particolari; la Pa, gestiamo il portale di Banca d’Italia, storico cliente, in cui il cittadino può recarvisi e incovare l’arbitrato direttamente online. E’ una procedura consentita grazie a un progetto andato online un mese fa”, spiega Diazzi.

Andrea Diazzi

Moreno spiega invece che le grandi utility vogliono migliorare l’approccio online ai clienti e lo riescono a fare sposando la piattaforma Liferay.
Sul retail i due manager annunciano novità, già oggi in fase beta, ma pronto sul mercato da giugno prossimo. Si chiama Liferay Commerce ed è un nuovo modulo e-commerce.

Liferay opera in Italia sia direttamente sia attraverso partner e ha come obiettivo sia quello di rafforzare il canale sia quello di crescere in presenza diretta. I partner, che negli ultimi due anni sono raddoppiati, da cinque a dieci, non sono ancora sufficienti. Moreno e Diazzi confermano la volontà di aprire le porte a nuove realtà che, inizialmente, saranno collocate al livello Silver e, successivamente, sia attraverso il volume di vendita che realizzeranno, sia alle certificazioni che conquisteranno, potranno passare di livello. La piattaforma si avvarrà di tre casi di utilizzo nel corso della digital experience dei partner: unify customer experience; trasport business operation ed evolve digital transformation, a seconda di quello che il cliente desidera come obiettivo. “Vorremmo crescere la nostra presenza diretta in Italia”, spiega Diazzi. “Succede che alcuni clienti ci contattino direttamente, ma non lo nascondiamo al nostro canale, il canale rispecchia la nostra politica in quanto non esiste esclusiva e – continua – al partner non è impedito di fare proposte”.
I vertici di Liferay hanno parlato chiaramente e per il 2018 la volontà è l’espansione su multiutility e retail e il consolidamento di banche e Pubblica amministrazione.

Vuoi partecipare al ChannelWatch 2018 di Context? Premi qui e inizia il breve questionario

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore