Lo smart working esce dall’adolescenza e si fa più adulto anche in Italia

News
0 0 Non ci sono commenti

Dall’indagine commissionata da Citrix emerge che il lavoro in mobilità (smart working) piace al 70% degli intervistati e sarebbero disposti ad aumentare il numero di ore di lavoro settimanali fino a cinque in più, pur di beneficiare dell’elasticità

Anche l’Italia fa i conti con lo smart working. Secondo quanto risulta a una ricerca effettuata da Ales Market Research per Citrix Italia, l’Italia al lavoro sta cambiando pelle. Non più le canoniche otto ore alla scrivania, e nemmeno il telelavoro è più di moda. Si lavora in ufficio ma anche da casa, dal taxi o da sedi dislocate, utilizzando spesso e volentieri tablet e smartphone, non necessariamente aziendali.
E’ questo lo scenario che ha voluto indagare Citrix attraverso una ricerca condotta in Italia su un campione di 600 lavoratori che, per circa 2/3 delle ore lavorate a settimana, si trovano lontano dal loro ufficio primario. Dall’indagine emerge che il lavoro in mobilità (smart working) piace al 70% degli intervistati e sarebbero anche disposti ad aumentare il numero di ore di lavoro settimanali fino a cinque in più, pur di beneficiare dell’elasticità che lo status di lavoratore mobile gli garantisce (il 52% del campione lavora già oltre l’orario d’ufficio almeno una volta al mese).

Per il 65% del campione risparmiare il tempo di viaggio e il 64% è convinto di poter migliorare, grazie a questa formula, la propria produttività, nonostante il 53% ritenga che l’interazione con l’ufficio debba essere migliorata e resa più veloce. Secondo il 54% del campione si ritiene che i soft skill di flessibilità e di orientamento agli obiettivi legati allo smart working permettano di arricchire il proprio curriculum e facilitare la ricerca di un nuovo lavoro e il 46% pensa che la propria organizzazione dovrebbe investire di più nello smart working.
“Lo smart working è già una realtà e, come spesso accade, la legge interviene a regolare una situazione che di fatto esiste” afferma Benjamin Jolivet, Country manager di CitrixNon si tratta soltanto una questione logistica: insieme allo smart working si fa strada un’idea di lavoro basata sulla responsabilità e sul raggiungimento degli obiettivi piuttosto che sul numero di ore e sulla presenza in ufficio”.
Gli intervistati, infatti, credono che anche l’azienda possa trarre vantaggi in termini di competitività facilitando lo smart working: per il 59% aumenta la produttività, per Il 52% porta a una riduzione dei costi fissi, per il 45% a una cultura aziendale più flessibile e per il 42% offre maggior livello di soddisfazione per i dipendenti.

Non sono tutti e soli vantaggi quando si parla di smart working: la possibilità di essere sempre raggiungibili rappresenta una preoccupazione per il 38% del campione; quella di eccedere con il numero di ore il 36% e il 71% sottolinea l’importanza di mantenere comunque una divisione tra lavoro e vita privata, mentre il 33% teme la perdita della dimensione sociale del lavoro a causa delle minor interazioni con i colleghi. Secondo il 36% questo aspetto potrebbe essere preoccupante anche dal punto di vista dell’azienda che vedrebbe diminuire lo spirito di gruppo e di appartenenza a un team.
Secondo l’80% degli intervistati, all’interno della propria organizzazione il lavoro mobile è sostenuto, anche se il 50% di questi afferma che ciò avviene più per iniziativa dei dipendenti che per una politica precisa e codificata (che esiste solo nel 20% dei casi).
Ma che cosa significa, nella pratica, supportare il lavoro mobile? Il 37% degli intervistati afferma di essere in grado di accedere ai dati e alle applicazioni che si usano abitualmente da più dispositivi e il 32% di usufruire di procedure di accesso e autenticazione semplificate. L’accesso ai dati e alle applicazioni professionali viene garantito con continuità nelle ore notturne e nei fine settimana solo al 25% del campione mentre solo il 16% ha a disposizione un appstore aziendale dove accedere a tutte le app necessarie.

Benjamin Jolivet, Citrix
Benjamin Jolivet

Una delle principali questioni relative allo smart working, con cui i dipartimenti IT delle aziende si trovano a combattere ogni giorno è proprio la sicurezza. Emerge dalla ricerca che, quando si tratta di individuare dentro l’azienda un responsabile per la sicurezza dei dati, ci si trova di fronte a una realtà variegata per cui il 37% degli intervistati afferma di essere personalmente responsabile, il 24% afferma che la responsabilità è del dipartimento IT dell’azienda medesima, il 18% pensa sia condivisa mentre un preoccupante 20% non sa di chi sia.
Il 58% degli smart worker ha a disposizione per il proprio lavoro applicazioni Office o equivalenti; il 48% può avvalersi di strumenti di comunicazione con i colleghi quali app di instant messaging, condivisione di file o piattaforme social; il 31% può utilizzare applicazioni personalizzate dall’azienda mentre solo il 19% riesce a utilizzare software specifici di settore come per esempio applicazioni ERP personalizzati per mercati definiti. A livello di dispositivi, PC e smartphone sono i più utilizzati (rispettivamente dal 58% e dal 57% del campione) seguiti da laptop (34%) e tablet (32%). Il desktop, quando utilizzato, resta ancora lo strumento principale per l’84% del campione; seguono laptop e smartphone, che viene considerato dispositivo principale dal 41%. Per quanto riguarda gli smartphone emerge un ulteriore dato interessante: l’84% è di proprietà del lavoratore mentre l’opposto accade con i PC desktop o laptop che rispettivamente nel 60% e nel 40% dei casi sono aziendali.
L’utilizzo di applicazioni di lavoro su dispositivi personali è consentito intorno al 90% dei casi, ulteriore conferma, qualora ce ne fosse bisogno, di come il BYOD stia prendendo piede in tutte le realtà aziendali mentre in sette casi su 10 i dispositivi aziendali sono strettamente personali e non utilizzabili da altri membri della famiglia.
Per tutti i dispositivi, la connessione più utilizzata è il Wi-fi, seguita dal cavo nel caso del desktop (44%) e dalla connessione 3G/4G per tablet e smartphone. E proprio in materia di connessione si registrano i principali problemi tecnici degli smart worker: il 33% lamenta infatti problemi di connessione, il 31% di caricamento lento dei dati e il 26% rileva problemi nel momento in cui deve collegare i dispositivi ad altre apparecchiature.
E il futuro? Il 27% degli intervistati pensa che le priorità siano legate alla sicurezza dei dati, il 25% alle questioni riguardanti la privacy mentre il 26% vorrebbe lo sviluppo di una politica chiara per il lavoro in mobilità all’interno della strategia aziendale.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore