Lorenzoni (TradeDoubler): Social network solo verticali

News

Vittorio Lorenzoni, country manager TradeDoubler Italia, annuncia la nuova struttura aziendale per il 2011 e dice la sua su banda larga, incentivi, formazione e futuro dei social network

Il cliente arriva e vuole una soluzione”. Esordisce così Vittorio Lorenzoni, country manager TradeDoubler Italia, sentito allo Iab Forum di Milano sulla nuova struttura per il 2011.

In particolare, scrive una nota della società, “dal 2011 le attività core, Affiliate e Campaign, convergeranno nella divisione Network, mentre Search e Technology diventeranno due business unit indipendenti”.

Nella nuova organizzazione i singoli paesi si focalizzeranno sulle vendite, rivolgendosi a precise fasce di mercato e target con l’obiettivo di incrementare la profittabilità, il network avrà una posizione dominante in tutti i paesi in cui Trade Doubler opera.

L’obiettivo è quello di fare investimenti e sviluppare cultura orientata alle vendite. TradeDoubler prevede che la divisione Network genererà l’85% del profitto lordo del gruppo mentre stima che le business unit Search e Technology genereranno rispettivamente il 6% e il 9% del profitto lordo.

Dai dati sulla diffusione del wi-fi e i timidi movimenti sugli incentivi alla banda larga, Lorenzoni commenta drastico sull’arretratezza in cui versa ancora l’Italia. “Le opportunità ci sarebbero – spiega – ma giudico ridicoli gli sforzi e la situazione in cui versa il nostro paese quando parliamo di banda larga. Serve formazione  e lo Iab lo sta facendo attraverso iniziative in collaborazione con le università a livelli di alto profilo”, spiega.

Infine, una battuta sulla diffusione dei social network. “Non vi è dubbio che la diffusione esplosiva degli ultimi tempi abbia favorito la novità, tuttavia molti social network generalisti restano ancorati a un discorso di posta elettronica. Secondo la mia opinione – spiega Lorenzoni – i social network dovrebbero essere verticali, un esempio potrebbero essere quelli dedicati all’e-commerce, gli altri, i generalisti, sono già in discesa”, conclude.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore