Media World: il restyling passa dalle web lounge dedicate ai cartelli prezzi elettronici

Retail

Il brand Media World compie 25 anni in Italia e per l’occasione punta a un nuovo corporate design dei punti vendita. Saranno create web lounge dedicate, sarà intensificata la digitalizzazione e rafforzate le innovazioni tecniche

Media World compie 25 anni in Italia e si rinnova, a cominciare dal concept del punto vendita. In particolare la creazione di web lounge dedicate, un’intensificazione della digitalizzazione come il passaggio dal cartellino prezzo cartaceo all’elettronico, il rafforzamento di ulteriori innovazioni tecniche e l’introduzione di nuove aree funzionali, sono tutti questi gli ingredienti che vanno ad ampliare l’area Mediaworld destinata ai servizi.

Ma non è tutto qui. Per festeggiare il quarto di secolo in Italia, il brand e la società Mediamarket hanno pensato a un nuovo corporate design per il punto vendita, piattaforme web e mobile rinnovate da cima a fondo. Il punto di partenza, secondo quanto riporta una nota della società, è la strategia Seamless customer experience ossia seamless per un’integrazione senza distinzione e senza confini tra fisico e virtuale, customer perché il cliente è sempre al centro di ogni progetto ed experience perché in un mondo di prodotti simili è l’esperienza del processo di acquisto che fa la differenza.

Al centro Joachim Rösges, Ceo di Mediamarket
Al centro Joachim Rösges, Ceo di Mediamarket

“E’ stato un anno complesso e denso di cambiamenti – commenta Joachim Rösges, Ceo di Mediamarket soprattutto per il mercato italiano dell’elettronica di consumo, che ha visto l’avvicendarsi di operazioni di fusioni, acquisizioni e rebranding. L’Italia è per noi un paese strategico – continua – secondo dopo la Germania e ci siamo impegnati fortemente per mantenere e sviluppare la nostra leadership. L’attitudine all’innovazione e alla sperimentazione e lo spirito di squadra, che da sempre ci contraddistinguono – conclude – hanno fatto la differenza tra Media World e il mercato e ci hanno dato lo slancio per affrontare e gestire al meglio questa fase di forti cambiamenti”.

Il mercato dell’elettronica di consumo in Italia (retail) appartiene ai mercati più grandi a livello europeo, attualmente in quarta posizione con un potenziale di 13,7 miliardi di euro e una crescita prevista del +4% per il 2015. L’Internet of Things è diventato elemento centrale per il business, con la prospettiva di rappresentare un fenomeno ancora più dirompente nei prossimi anni. La digitalizzazione ha modificato il commercio a livello strutturale ma da fattore di rischio si è trasformata in un’importante opportunità. L’e-commerce cresce e si consolida. Servizi e prestazioni offrono nuovi e importanti potenziali di valore aggiunto.

“In questo contesto – sottolinea Rösges – il futuro dell’azienda è quello di porsi come partner e guida per il consumatore all’interno dell’affascinante ma anche a volte ‘sconcertante’ mondo digitale. Il processo evolutivo porterà la nostra catena a costruire un’esperienza comportamentale d’acquisto basata su relazione e integrazione. Integrazione di canali, di comunicazione, di community digitali. Non c’è un’infrastruttura più importante di altre perché tutte contribuiscono a creare la rete per conquistare la fiducia del consumatore”, conclude il Ceo.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore