Mercatone Uno, al via il bando per la vendita del gruppo

Retail

C’è tempo fino al 7 settembre 2016 alle ore 18 per presentare le offerte vincolanti del perimetro di vendita di Mercatone Uno la cui base d’asta è fissata a 280 milioni di euro per l’intero complesso aziendale, comprensivo dei 79 punti vendita in tutta Italia

Pubblicato il bando internazionale per la vendita del gruppo Mercatone Uno, predisposto dai commissari straordinari Stefano Coen, Ermanno Sgaravato e Vincenzo Tassinari.

C’è tempo fino al 7 settembre 2016 alle ore 18 per presentare le offerte vincolanti del perimetro di vendita la cui base d’asta è fissata a 280 milioni di euro per l’intero complesso aziendale, comprensivo dei 79 punti vendita in tutta Italia.

La base d’asta si compone di  197 milioni di euro da imputare in sede di Offerta Vincolante agli immobili di proprietà relativi ai Punti di Vendita Operativi e Non Operativi delle Società. In aggiunta al Prezzo Offerto indicato nell’Offerta Vincente, l’Aggiudicatario dovrà corrispondere alle Società: l’importo totale della cassa di funzionamento presente in tutti i Punti di Vendita alla Data di Efficacia, pari a 10 mila euro per ciascun Punto di Vendita e il valore dell’attivo circolante dei complessi aziendali oggetto del Perimetro di Vendita esistente alla Data di Efficacia del Contratto di Cessione.Mercatone Uno

Il perimetro di vendita è costituito dai complessi aziendali delle società, i quali comprendono la sede amministrativa di Imola; i rami d’azienda aventi a oggetto la gestione dei 61 punti di vendita operativi, unitamente agli immobili di proprietà delle società in cui tali punti di vendita, nonché gli immobili di pertinenza destinati ad uso magazzino, i rami d’azienda aventi a oggetto la gestione dei 18 punti di vendita non operativi, unitamente agli immobili di proprietà delle Società in cui tali punti di vendita, nonché gli immobili di pertinenza destinati a uso magazzino; il marchio “Mercatone Uno” e gli ulteriori marchi delle Società e i rami d’azienda avente ad oggetto le attività logistiche.

Lo scorso 7 giugno era stato autorizzato l’avvio del processo di vendita dei complessi aziendali da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, con il parere favorevole del Comitato di Sorveglianza. Secondo l’Ansa, nel dettaglio il bando riguarda 79 punti di vendita sparsi sul territorio nazionale per una superficie commerciale complessiva di 500 mila metri quadri. La base d’asta è stata determinata da perizie di esperti indipendenti sull’attuale valore patrimoniale dell’azienda, rappresentato dal compendio immobiliare e relative licenze commerciali.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore