Michael Dell vuole un consorzio per salvare la società

News
meeting, business meeting, accordi@shutterstock

In un documento depositato presso la Securities and Exchange Commission si invitano gli azionisti ad accettare l’offerta di acquisizione da 24,4 miliardi di dollari avanzata dal fondatore Michael Dell insieme alla società di private equity Silver Lake Partners

Michael Dell invita gli azionisti ad accettare l’offerta di acquisizione di una fetta di capitale di Dell. In particolare, si parla di quasi 25 miliardi di dollari.

Tutto questo è contenuto in un documento depositato lo scorso venerdì presso la Securities and Exchange Commission, come ha sottolineato MF-Dj. Dell ha delineato un quadro della difficile situazione delle attività di produzione di pc, invitando gli azionisti ad accettare l’offerta di acquisizione da 24,4 miliardi di dollari avanzata dal fondatore Michael Dell insieme alla società di private equity Silver Lake Partners.meeting, business meeting, accordi@shutterstock

La valutazione di Dell è basata su un ampio studio indipendente condotto da Boston Consulting Group sulla strategia del produttore di pc. Nel documento emerge una critica alla gestione di Dell da parte della società di consulenza, che ha analizzato le due principali divisioni del gruppo: il business di pc per i privati e quello destinato alle aziende. Boston Consulting Group evidenzia il forte calo delle vendite di pc e laptop a livello mondiale e nota che la diminuzione è legata al cambiamento della domanda verso il segmento dei pc a basso margine. In particolare, evidenzia la società di consulenza, l’attuale management di Dell non sta facendo un lavoro eccelso e si è dimostrato lento nel cogliere i cambiamenti della domanda e incapace di farsi strada in nuovi campi. La scorsa settimana i media avevano riportato che Michael Dell aveva contattato Blackstone per una possibile partnership.

Tuttavia altre indiscrezioni vedevano Blackstone valutare altri candidati per la carica di Ceo e cio’ non dovrebbe stupire. Il buy-out di Dell sembrava cosa fatta quando Blackstone e Carl Icahn si contendono Dell, il vendor del mercato Pc, fondato da Michael Dell che è uscito dalla Borsa. Carl Icahn è il finanziere che ebbe un ruolo non trascurabile nel caso Yahoo!, quando l’ex Ceo e co-fondatore Jerry Yang rifiutò l’Opa miliardaria di Microsoft.

Chi riuscirà a mettere le mani sulla società, terzo vendor del mercato Pc, dietro a Hp e Lenovo? È forse presto per dirlo, anche se in seguito a un buyout da 24.4 miliardi di dollari, Dell è uscita dalla Borsa per tornare ad essere privata, grazie a un consorzio capitanato da Silver Lake e Michael Dell. Ma adesso Blackstone e Carl Icahn si contendono Dell.
Secondo Idc, Dell ha archiviato il quarto trimestre, crollando di circa il 20% dal 12,5% a sotto il 10%.

Gartner osserva che il mercato Pc si è contratto del 3.5% a quota 352.7 milioni di unità. Nel 2013 Dell guadagnerà 2.98 miliardi di dollari, contro i 3.49 miliardi di dollari del 2012. Dal 2008 a ieri Dell ha acquisito 20 aziende di software e servizi spendendo 13 miliardi di dollari, ma non è stato sufficiente.

Qualche tempo fa, Michael Dell e Silver Lake Group offrono 13.65 dollari per azione, valutando l’azienda 24,4 miliardi di dollari. Invece Blackstone aveva messo sul piatto 14.25 dollari per azione, mentre il miliardario Icahn 15 dollari per azione. Icahn vuole il 58%, mentre Blackstone non specifica quanto vuole acquisire nel buy-out. L’accordo fra Dell e SilverLake, secondo il Wall Street Journal, darebbe a Michael Dell l’opportunità di imprimere la svolta e una nuova direzione all’azienda Texana da lui stesso fondata.

QUIZ – Conosci la storia di Dell?

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore