Mobilità e comunicazioni: è tempo di migrare

News

Lo sostiene Idc, che ha presentato dati, analisi e teorie nel corso
dell’annuale Telecoms e Mobility Conference 2006.

Migrare verso un nuovo ecosistema digitale. Il tempo, sostiene Idc, è
arrivato. E’ stato questo uno dei tempi dominanti della quarta edizione di
Telecoms e Mobility Conference, recentemente svoltasi a Milano. All’evento hanno
partecipato 200 figure chiave di aziende utenti, operatori del mondo dei
contenuti digitali, distributori, telecom e network provider.
?Le tendenze di fondo che caratterizzano l’evoluzione del mercato delle
comunicazioni in senso lato – afferma Roberto Mastropasqua, research director
Telecom Internet e Media, Idc Italia – sono la digitalizzazione dei contenuti e
il passaggio all’Ip come fattore unificante delle infrastrutture e dei servizi
di rete”. Stiamo assistendo, sostiene Idc, al passaggio dell’Ip da puro
protocollo di connettività a vera e propria piattaforma per lo sviluppo di
servizi sempre più evoluti. I nuovi scenari aprono nuove opportunità e diverse
prospettive sia al mondo business sia al mondo consumer. In quest’ultimo, lo
sviluppo si concretizza nel lancio di nuovi prodotti di intrattenimento, come la
televisione sul telefono cellulare, grazie allo standard DVB-H, e su Internet.
Nel segmento business, invece, stiamo assistendo all’integrazione tra reti,
sistemi It e sicurezza, convergenza della voce sulle reti Ip e integrazione tra
servizi di rete fissa e mobile.
La convergenza appare oggi come uno dei fattori più interessanti per lo sviluppo
del settore delle telecomunicazioni. ??Nel giro di due o tre anni ? afferma
Mastropasqua – la spesa delle imprese in sistemi voce aziendali si sposterà
decisamente a favore di tecnologie Ip-based, sia ibride che pure, rinnovando
così un parco installato spesso molto datato?.
Durante il convegno è stato inoltre presentato lo studio realizzato
dall’osservatorio della School of Management del Politecnico di Milano, che ha
sottolineato l’impatto pervasivo delle tecnologie mobile e wireless sulla catena
del valore delle imprese.