Mobotix, oltre la frontiera una nuova sede italiana in vista

News

Mobotix annuncia la volontà di aprire una sede italiana entro la fine dell’anno fiscale che inizia il 1 ottobre 2011. Intanto si prepara alla sfida dei grandi progetti con il via al nuovo programma di canale

Crescere in fatturato anche nel settore elettrico e  dell’automazione ma senza perdere di vista il mondo della videosorveglianza e delle telecamere Ip. Infine, entro la fine dell’anno fiscale 2012 che inizierà il prossimo 1 ottobre, Mobotix ha intenzione di aprire una sede in Italia. Si perché il nostro Paese, secondo i vertici della società, è una risorsa, testimone sono gli ultimi progetti messi a punto dalla società con grandi realtà italiane, come il Vaticano e il Ministero dell’economia.

Mobotix è una società tedesca che ha come obiettivo progetti fondati su prodotti di fascia alta e l’Italia è mercato maturo, secondo alla Germania. Il progetto con il ministero, partito nel 2010 e conclusosi nell’arco di cinque mesi consta oggi di 20 lanterne a muro installate in posizione strategica lungo tutto il perimetro del Ministero. Ciascuna mensola occulta al proprio interno 2 telecamere D12 di Mobotix, caratterizzate da ripresa a 180 gradi, per un totale complessivo di 40 telecamere Ip ad alta risoluzione. Le immagini possono essere registrate all’interno delle telecamere 24 ore su 24 (a colori e in bianco e nero) vengono poi visualizzate dalla centrale operativa, posizionata all’interno del palazzo del Ministero.

Palazzo delle finanze, Roma

Gli addetti alla sicurezza, tutti appartenenti al corpo militare della Guardia di Finanza, gestiscono in toto il sistema di videosorveglianza e monitorano costantemente le visuali riprese dalle telecamere in tempo reale. Dieci apparati wireless, prodotto dall’italiana 3WLan, installate all’interno di altrettante mensole, sono poi in grado di garantire il collegamento Wi-Fi bidirezionale tra la centrale operativa interna e le pattuglie attive all’esterno del palazzo, tramite autenticazione a un server Radius che identifica l’appartenenza dell’apparecchio a una lista di accessi autorizzati.

Stefano Torri, Business development director per l’Italia e il sud est Europa della società, non si sbilancia ma lascia intendere che l’apertura della sede italiana ci sarà nel breve periodo. L’occasione di incontro è avvenuta durante la seconda edizione della Mobotix National partner conference (Npc) alla quale hanno partecipato circa 130 partner italiani selezionati. Torri, parlando del rapporto con il canale distributivo, che in Italia è fatto da cinque distributori e circa 800 partner tra rivenditori e installatori, ha sottolineato quanto sia necessario un rapporto chiaro con il canale, specie quando si tratta di grandi progetti con altrettanti grandi clienti. “Con alcuni clienti – spiega – è inevitabile che si sia maggiormente presenti ma non cerchiamo in alcun modo di entrare in conflitto con il nostro canale”, spiega, annunciando il nuovo programma di canale, il Mobotix Global Network Partner Program.

“Il programma ci veniva richiesto da più parti ma abbiamo atteso il momento e forse la persona giusta (In Mobotix è in atto una campagna acquisti, ndr) prima di lanciarlo e così è stato. Quattro livelli di partnership: Partner non registrati, coloro i quali hanno con noi un rapporto occasionale, i Registrati, i Certificati, coloro i quali sono più vicini al canale, devono essere certificati a livello tecnico e commerciale, predisposti a valutare target di vendita. Infine i Partner avanzati, coloro i quali hanno obiettivi più elevati come 100 mila euro di fatturato 3 persone sono certificate a livello base e due avanzate”.

Torri ha poi sottolineato l’interesse a crescere nel mercato elettrico e dell’automazione, come di un segmento in cui, ora, Mobotix è ancora un po’ debole ma, a livello italiano, sono presenti potenzialità, specie nel mondo della telefonia Ip e di certo votato all’integrazione. “In Germania – spiega Torri – sono state fatte scelte differenti sul canale. Mobotix non ha distributori è organizzata direttamente”.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore