Musica, vestiti ed editoria trainano l’e-commerce italiano

News
L'e-commerce svetta fra le sei tendenze del 2017

Netcomm-Politecnico Milano fotografa il commercio elettronico: a trainare sono il settore B2c, la moda e l’editoria. Bene anche l’IT. In crescita a doppia cifra

L’Italia arranca anche nel commercio elettronico, tuttavia l’e-commerce cresce a doppia cifra per colmare i cronici ritardi. E infatti secondo Netcomm-Politecnico Milano è boom a due cifre per l‘e-commerce: a trainare sono l’incremento del 20% del commercio elettronico B2c, il 38% della moda e il 35% dell’editoria.

L’e-commerce B2c cresce in Italia passando dal +17% del 2010 al +20% del 2011, totalizzando vendite da siti italiani oltre quota 8 miliardi di euro. Per il terzo anno consecutivo a trainare sono più i prodotti (+24%) che i servizi (+18%), ma i servizi detengono ancora per i due terzi del settore. Abbigliamento ed Editoria, musica e audiovisivi registrano l’incremento più alto con +38% e +35% rispettivamente.

Va bene anche l’Informatica ed elettronica di consumo, le Assicurazioni (+22% ciascuno) e il Turismo (+13% ) che, da solo, vale quasi metà delle vendite online. tasso di penetrazione dell’eCommerce B2c sul totale vendite retail che supera la quota del 2%. Avanzano sia i compratori online, che si attestano a 9 milioni, quasi 1 ogni 3 utenti Internet, in crescita del 7%. Cresce anche la spesa annua per acquirente che oltrepassa i mille euro: dai 960 euro del 2010 ai 1050 euro del 2011 (+9%). In lieve calo (-6% circa) è lo scontrino medio che resta comunque sopra i 210 euro. A gonfie vele è l’export per l’Abbigliamento e il Turismo.
Triplica (+210% rispetto al 2010) il valore del commercio mobile, m-commerce che sorpassa gli 80 milioni di euro, pari all’1% delle vendite online.

“Di questi i più significativi sono il boom dei siti che vendono coupon, Groupon in primis ma anche Glamoo, Groupalia, LetsBonus, Jumpin, Poinx, Prezzo Felice e l’ingresso di nuovi player, Amazon su tutti, ma anche altri della grande distribuzione. – ha commentato Alessandro Perego, Responsabile Scientifico Osservatorio B2c Netcomm-Politecnico di Milano I nuovi fenomeni sono decisivi nell’accelerazione della crescita dell’eCommerce, sia per il valore assoluto con cui contribuiscono all’aumento del transato (400 milioni di euro circa, pari a quasi un terzo della crescita complessiva) sia per la capacità di portare online nuovi compratori”.

Nel Grocery, per esempio, è “effetto Esselunga“: con un tasso di crescita del 17%, è trainato anche nel 2011 dai buoni risultati della catena della Gdo.

Il comparto Informatica ed elettronica di consumo mostra un tasso di crescita del 22%, doppio rispetto al 2010, frutto anche in questo caso dell’effetto Amazon e degli ottimi risultati dei grandi retailer attivi nel settore (Darty, ePrice, Euronics, Marco Polo Shop, Media World, Monclick, Mr.Price).

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore