MWC 2017 dà la sveglia agli smartphone, nell’era IoT, AR e 5G

Strategie
MWC 2017: ritorno al futuro, guardando all'era IoT, AR e 5G

Il mercato smartphone non corre più a doppia cifra, ma, secondo Gartner, ha archiviato il 2016, registrando un incremento del 7%. Ecco le tendenze e le novità dei vendor presentate a MWC 2017

Al Mobile World Congress (Mwc 2017) sono stati presentati i nuovi top di gamma LG G6, Huawei P10 e Plus con Watch 2, il vintage Nokia 3310, BlackBerry KEYOne con doppia tastiera (di cui una fisica), Sony Xperia XZ Premium con slow-motion alla velocità di 960 frame al secondo (fps), Moto G5 e G5 Plus di Lenovo e i tablet Android e Windows 10 di Samsung (il vendor sud-coreano che ha annunciato che il Galaxy S8 vedrà la luce in un evento a New York, che si terrà il prossimo 29 marzo).

MWC 2017 dà la sveglia e ridà voce agli smartphone, nell’era IoT, AR e 5G (quest’ultimo sarà standard dal 2020). Il Mobile World Congress 2017 ha aperto i battenti a Barcellona, giunto alla trentesima edizione, pur avendo cambiato nome più volte per star dietro alle tecnologie che hanno segnato l’era Mobile.

MWC vuole catalizzare l’attenzione sul percorso che culminerà nell’avvento della connettività 5G – lo standard che abiliterà tutte le potenzialità di Internet of Things (IoT) – e sugli scenari spalancati dall’adozione delle tecnologie di realtà virtuale (VR), aumentata (AR), ma anche dal machine learning, al centro degli assistenti digitali – Google Assistant, finora limitato ai Google Pixel, ora sbarca su tutti gli smartphone Android, pronto a sfidare Amazon Alexa.

Il mercato smartphone non corre più a doppia cifra, ma, secondo Gartner, ha archiviato il 2016, registrando un incremento del 7%. Ritmi pur sempre “cinesi”, ma non più impetuosi. Quasi il 38 percento di questo mercato viene spartito dal cosiddetto “duopolio” di Apple e Samsung, ma Apple rimane la grande assente alla kermesse di Barcellona e questa è la prima edizione in cui Samsung arriva non con modelli di smartphone, bensì due tablet, rinviando la presentazione del suo top di gamma, l’attesissimo Galaxy S8, a fine marzo a New York. E l’edizione 2017 di MWC sembra la fiera del Vintage, monopolizzata da Nokia 3310 e dal ritorno della tastiera fisica sul Blackberry KEYone (dotato anche di tastiera touch).

Huawei P10 e P10 Plus a MWC 2017
Huawei P10 e P10 Plus a MWC 2017

L’effetto Wow, il compito di stupire, è stato delegato a LG e Huawei che, la prima con il G6, la seconda con i P10 e P10 Plus, hanno assolto al loro compito al meglio. LG G6 è uno smartphone Android che coniuga l’altissima definizione con il formato 18:9, ideale per guardare film, presentato dal premio Oscar Vittorio Storaro, ospite della presentazione della sud-coreana, dal momento che il formato 18:9 del G6 vanta le proporzioni del grande schermo dei cinema e guarda ai cinefili grazie anche alla tecnologia Hdr video con Dolby Vision. Huawei P10 e P10 Plus, accompagnati dallo smartwatch Huawei Watch 2, lo smartwatch dalla fattura artigianale, sono smartphone con doppia fotocamera di seconda generazione e la fotocamera frontale sempre realizzate in collaborazione con Leica, con funzionalità ideate per ritratti e selfie più smart. Huawei ha messo a punto uno smartphone frutto di partnership: con Leica, nel comparto fotografico; con GoPro, per l’opzione Highlights; con Pantone, per ampliare la disponibilità dei colori; l brand di moda Ricostru, per la creazione di accessori originali, e Saatchi Gallery, che lancerà la prima mostra sulla storia dell’autoritratto, da Velazquez ai selfie di oggi: From Selfie to Self-Expression.

LG G6 a MWC 2017
LG G6 a MWC 2017

Anche lo smartphone è un dispositivo consolidato, che fa sempre più parte delle commodities attraverso cui erogare servizi, e in fiera si va giusto respirare le tendenze e le novità, mentre le rivoluzioni avvengono altrove.

Nokia 3310 a MWC 2017
Nokia 3310 a MWC 2017

Ormai lo sguardo è rivolto al 5G, IoT e anche alla Realtà Virtuale ed Aumentata. Qualcomm ci ha offerto un assaggio, mentre Ericsson, in una demo live con Intel, sfrutterà una piattaforma di test 5G operante a 28 GHz, 5G Test Bed e 5G Mobile test Platform di Intel, e oltre a questo una vetrina su LTE classe Gigabit. Il percorso verso il 5G, nel frattempo, si snoda attraverso l’evoluzione dello sfruttamento completo della connettività LTE.

INCHIESTA: A che punto sei con l’adozione della Sicurezza IT? Partecipa al nostro sondaggio

WHITE PAPER: Sei interessato ad approfondire l’argomento?  Scarica il whitepaper  Migliorare la customer experience nel mondo mobile

Autore: mcastigli
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore