Nel 2006 il sorpasso del mobile

News

Secondo i dati raccolti dall’Osservatorio Smau, continua a crescere la spesa degli italiani per la telefonia. Il sorpasso del mobile sul fisso avverrà probabilmente nel 2006.

Agli italiani piace parlare al telefono. Se poi si tratta del telefono cellulare, diventiamo ancora più chiaccheroni. Secondo i dati raccolti dall’Osservatorio Smau, nei primi nove mesi del 2005, le spese relative alla telefonia sono aumentate del 5.4%; ma il sorpasso del mobile sul fisso non si è ancora verificato. Il 2006 potrebbe essere l’anno buono. Nel periodo considerato la spesa relativa ai servizi telefonici mobili ha registrato un incremento di circa il 10%, equivalente a 11.646 milioni di euro. La spesa dei fissi è stata di poco superiore, 12.706 milioni di euro, con un incremento dell’1.5%. La differenza oramai minima, spinge gli analisti a considerare il sorpasso inevitabile nel 2006. Secondo l’Osservatorio Smau i fattori che sostengono lo sviluppo del settore sono diversi. Per quanto riguarda le telecomunicazioni fisse, giunte a una quasi saturazione dei servizi tradizionali, gli attori del mercato rispondono con nuovi servizi legati all’uso in determinate fasce orarie o direttrici, e con una maggiore offerta di servizi a valore e di contenuti a pagamento, attraverso contratti flat. Va ancora forte la richiesta di servizi su banda larga, per lo più concentrata nelle aree urbane, grazie ai costi minori e anche in questo caso all’offerta di contratti flat. Nella telefonia mobile, cresce la spesa legata ai servizi e si registra un significativo aumento degli utilizzatori di età inferiore ai 14 anni. I servizi su cui gli operatori stanno puntando sono soprattutto legati alla fruizione di contenuti digitali, musicali e televisivi, oltre alle sempre più richieste suonerie.