Nell’offerta Datamatic pioveranno gli smartphone

News

E’ troppo presto per fare nomi ma Stefano Martini, amministratore delegato di Datamatic, annuncia che le trattative sono in corso. Intanto tira le somme del dopo ingresso in scuderia dell’insegna Vobis

Gli smartphone potrebbero sbarcare nel catalogo di Datamatic. La società sta guardando con interesse il mondo della telefonia, fino a ora ignorato nella propria offerta.

“Fino a questo momento abbiamo ignorato il mondo della telefonia, ma ora, complici gli smartphone, stiamo ragionando sul fronte della mobilità e sul fatto che questi apparecchi somigliano sempre di più a dei mini computer per cui stiamo ragionando sull’introduzione nel nostro portafoglio”, così spiega Stefano Martini, amministratore delegato di Datamatic.

Dopo l’accordo con Master, per la licenza d’uso in esclusiva del marchio Vobis, averne così acquisito il marchio ed essere subentrata nei contratti di franchising, Datamatic si è aggiudicata così oltre 330 punti vendita in Italia, di cui 202 sotto l’insegna Wellcome, il resto Vobis, che non sono cifre trascurabili, specie quando si parla di forza contrattuale.

E questo aspetto lo sa bene Martini che, a questo proposito, ha precisato che il numero di punti vendita “è sufficientemente grande da rappresentare una buona forza contrattuale nelle attività con i vendor”.

A settembre la società aveva in programma di uscire con il primo flyer targato Vobis e iniziare così un roadshow regionale per incontrare gli affiliati.

Siamo partito con l’obiettivo di recuperare la catena Vobis. Cercheremo di attuare l’offerta commerciale differenziata rispetto a Wellcome ma riproporremo gli strumenti di marketing di cui già disponiamo come la tv via internet, rimetteremo mano al sito e, naturalmente, punteremo sui flyer”.

A Martini è stato chiesto se l’offerta commerciale, dopo l’ingresso di Vobis nei biglietti da visita Datamatic, cambierà e si distinguerà in consumer e professionale.

Secondo Martini non sarà così, “dipenderà poi da ogni singolo affiliato, dalle proprie specificità. Ciò su cui noi punteremo molto è il flyer perché sia per Wellcome sia per Vobis è lo strumento promozionale che funziona di più”, risponde.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore