Noseda (Maximiles): più economico fidelizzare un cliente che acquisirne uno nuovo

News

Veronica Noseda, Italy Sales Manager di Maximiles, commenta lo stato dell’arte del commercio elettronico in Italia e le abitudini d’acquisto online paragonandole con il resto d’Europa. Tra paradossi, risparmi, l’affare è servito

Gli italiani e gli spagnoli sono i consumatori online più fedeli d’Europa ma, paradossalmente, sono quelli che negli ultimi 12 mesi hanno acquistato meno online. Questo è quanto risulta da un recente studio di Maximiles, società fondata nel 1999 che opera nel settore dei programmi di fidelizzazione online, sbarcata in Italia nel secondo semestre 2008.

Si tratta di sfiducia – spiega Veronica Noseda, Italy Sales Manager di Maximiles, commentando il paradosso – in Francia, in Germania, in Inghilterra, per esempio, l’abitudine all’acquisto online è palpabile mentre in Italia vige ancora la mentalità che vuole la preferenza del negozio fisico che permette di toccare la merce e pagare direttamente”.

Veronica Noseda, Italy Sales Manager di Maximiles

Sfiduca? Paura di finire nella morsa del truffa? Paura di avere la carta di credito clonata? “Forse è una questione generazionale ma anche la volontà di toccare la merce. L’Italia è pronta all’acquisto on line sui viaggi ma non lo è ancora se parliamo di altri prodotti”. Ma Noseda è fiduciosa sullo sviluppo dell’e-commerce in Italia. “Gli operatori del settore che studiano l’Italia esprimono ottimismo , tanto che ci sono alcuni negozi online che stanno funzionando”, spiega Noseda.

Ma i negozi online devono fare i conti con un mercato competitivo dove i margini sono bassi e i prezzi non variano molto da negozio a negozio. “I negozi tendono ad abbassare i prezzi il più possibile per essere più competitivi. In questo senso un programma di fidelizzazione può in parte annullare l’effetto prezzo a favore di un’operazione che coccoli il cliente online. E’ scientificamente provato – spiega Noseda – che fidelizzare un cliente costa cinque volte di meno che acquisirne uno nuovo”.

Secondo la ricerca Maximiles i consumatori dei paesi più toccati dalla crisi sono anche i più predisposti alla ricerca dei vantaggi offerti da un programma fedeltà. “La crisi economica, è brutto da dirsi, ma ha aiutato l’e-commerce perché i consumatori sono più selettivi sui prezzi”.

Maximiles ha al proprio interno un dipartimento white label che crea, cura e gestisce soluzioni di commercio elettronico per alcune realtà come MasterCard o altri clienti. “Maximiles cura dalla A alla Z il sito ma non vi compare direttamente. In Italia non ci siamo ancora ma questo progetto, che ha già avuto consenti all’estero, rientra nel programma di espansione della società”, conclude Noseda.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore