Office 365 e non solo: ecco le novità da Microsoft Ignite 2016

Mercato
Claudia Bonatti Microsoft
0 0 Non ci sono commenti

Le novità presentate a Microsoft Ignite 2016 ad Atlanta spaziano da Windows 10 a Office 365: sono orientate al mondo enterprise e riguardano nuove funzioni per la sicurezza, la collaborazione, l’accessibilità, l’integrazione e l’intelligence

Microsoft ha appena reso noto che Windows 10 ha raggiunto quota 400 milioni di dispositivi. Le novità presentate a Microsoft Ignite 2016 ad Atlanta spaziano da Windows 10 a Office 365: sono orientate al mondo enterprise e riguardano nuove funzioni per la sicurezza, la collaborazione, l’accessibilità, l’integrazione e l’intelligence. C’è da dire che, come è stato ricordato da Claudia Bonatti, direttore della divisione Applications & Service di Microsoft Italia, molte di queste novità sono operative negli Stati Uniti mentre in area Emea arriveranno tra sei mesi e c’è da sperare che lo sia anche per nella roadmap l’Italia sia contemplata tra sei mesi appunto. Il servizio di cloud storage OneDrive diventa centrale: si sincronizza con SharePoint e supporta l’anteprima di numerosi file con la versione web. Microsoft ha presentato Windows Defender Application Guard, una tecnologia di virtualizzazione che sfrutta contenitori isolati per evitare che l’eventuale codice malevolo non sia in grado di diffondersi nella rete. Esso si coordinerà con Office 365 Advanced Threat Protection, per alzare l’asticella del livello di sicurezza. Inoltre, Office 365 Advanced Threat Protection è stato rafforzato e sarà disponibile su Word, Excel, PowerPoint, SharePoint Online e OneDrive per Business. Office 365 Threat Intelligence, che consente alle aziende di proteggere le reti, di intercettare le minacce e di rispondere con tempestività ai rischi, non sarà limitato a Office 365, ma riguarderà anche Windows 10 ed Enterprise Mobility Suite tramite l’offerta Secure Productive Enterprise, una piattaforma disponibile dal primo Ottobre, dedicata a business insight, collaborazione, mobilità, produttività e sicurezza.

In Office 365, spiccano Tap in Word and Outlook e Maps in Excel: il primo permette di semplificare l’inglobamento di contenuti da documenti già esistenti nei messaggi di posta; invece Maps in Excel incorpora i dati geografici nelle tabelle di Excel.

Claudia Bonatti, Microsoft
Claudia Bonatti, Microsoft

Office 365 integra Narrator che introduce nuove voci in grado di pronunciare fino a 800 parole al minuto e 6 livelli di verbosità, per arricchire le proprietà di un testo. Lo strumento permette anche alle persone ipovedenti di essere guidate nella navigazione con indicazioni puntuali sul testo e sulle icone, per esempio in Word, Outlook e Sharepoint, fornendo raccomandazioni sui tasti di scelta rapida.
La preview per Windows e Mac fonde il sync client di OneDrive con quello di SharePoint, per sincronizzare tutti i file di Office 365 attraverso OneDrive e SharePoint.
La versione web di OneDrive consente di visualizzare i file di Office Online. Microsoft ha aggiunto il supporto per i file Adobe: Illustrator (.ai), Photoshop (.psd) e Encapsulated PostScript (.eps), email (.msg e .eml), i file fotografici (incluso RAW) e per lo streaming video. La maggior parte dei file mostrano un’anteprima in alta risoluzione. Entro fine anno l’utente potrà aprire e apportare modifiche nel browser a tutti i file salvati su OneDrive e SharePoint Online, ed effettuare il download dei file in formato zip.

Basta un clic sull’icona Office disponibile nella barra degli strumenti di Microsoft Edge, per avviare documenti Word, Excel, PowerPoint, OneNote e Sway e per ritrovare facilmente tutti i documenti aperti. High Contrast Mode, già disponibile per Word e Sway, implementa la possibilità di visualizzare più agevolmente i dati su sfondo in contrasto anche in Excel, mentre le REST API per Office 365 consentiranno agli sviluppatori di creare app con capacità di calcolo, possibilità di report e il data storage di Excel.

Importante novità è l’integrazione di Office Lens: Universal Windows Office Lens app permette di migrare il materiale cartaceo su OneNote, Word o PowerPoint con la velocità di un’istantanea. Consente di effettuare lo scanner di uno schizzo, di un’immagine o di un’annotazione, salvare su OneDrive for Business e usare gli appunti su Office 365 grazie allo strumento di riconoscimento ottico dei caratteri.

Nel cloud, Microsoft lancerà ad ottobre Windows Server 2016 e System Center 2016, ha ottimizzato Azure e scommette sul machine learning. I nuovi servizi cloud-based intelligenti di Office 365 migliorano la produttività: permettono di tagliare i tempi, scrivere meglio, fare presentazioni più dinamiche e gestire la casella postale in base alle priorità.

OneDrive diventa il ponte fra i prodotti Microsoft. Le nuove funzionalità riguardano la sincronizzazione dei file, la loro visualizzazione via browser e l’accesso tramite app mobile. Gli utenti possono selezionare le cartelle da portare offline, comprese quelle condivise da un collega in ufficio. Il nuovo Activity Center rende trasparenti tutte le operazioni (upload, modifica, cancellazione eccetera) svolte sulle cartelle sincronizzate.

A proposito di email, Outlook per iOS e Android è nativo su Microsoft Cloud e supporta Exchange Online. Le migliorie in Outlook sono nell’ottica dell’intelligence. Focused Inbox permette di concentrarsi sulle email più rilevanti: la funzionalità infatti separa in automatico la propria inbox in due macro-gruppi, la categoria Focused (per i messaggi più importanti) e la categoria Altre. Lo strumento @mentions verrà reso disponibile agli utenti Outlook di Windows e Mac in Office 365, per identificare le email che devono catalizzare l’attenzione, così come aggiungere flag alle azioni per gli altri.

Microsoft ha anche aggiornato l’assistente digitale Cortana. Ad ottobre sarà rilasciato Skype for Business per Mac traduzione e trascrizione di Skype Meeting Broadcast.

Windows Upgrade Analytics consentirà agli amministratori di rete di agevolare la migrazione delle macchine presenti nella rete aziendale a Windows 10. Microsoft StaffHub è la nuova app che consente ai manager di mettere a punto team e gestire calendari e per i lavoratori in mobilità non perdere di vista programmazione e contenuti.

Le principali novità per OneDrive for Business e SharePoint Online sono diverse: è possibile sincronizzare le librerie di documenti di SharePoint e le cartelle Microsoft OneDrive condivise; le Team News aiutano ad aggiornare i team aggiornati e l’integrazione con Power BI, Yammer, Microsoft Flow e PowerApps; inoltre, OneDrive ha guadagnato un nuovo centro di sincronizzazione e nella versione per Windows 10 torneranno i placeholder. Zoom permette a PowerPoint di eseguire presentazioni interattive, con una navigazione più fluida e con una slide introduttiva con punti diversi, a seconda del tema e del pubblico.

Infine il capitolo Word: una nuova opzione aiuta a trovare e integrare fonti d’informazione affidabili e contenuti rilevanti nei propri documenti. Da Word, è facilitata la consultazione di materiale relativo a un argomento, per inglobarlo con un semplice clic, senza dimenticare le note bibliografiche.

Autore: Channelbiz
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore