Oltre 12 milioni di italiani si fidano della rete per gli acquisti

News
commercio elettronico @shutterstock

Sono oltre 12 milioni di italiani che hanno fiducia nella rete per gli acquisti di beni e servizi, e in un anno sono cresciuti del 30%. Sono questi i dati aggiornati sull’e-Commerce in Italia secondo le rilevazioni di Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano

Sono oltre 12 milioni di italiani che hanno fiducia nella rete per gli acquisti di beni e servizi, e in un anno sono cresciuti del 30%. Sono questi i dati aggiornati sull’e-Commerce in Italia secondo le rilevazioni di Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico Italiano.

Secondo l’Ansa, gli acquirenti online attivi dichiarano una frequenza media di acquisto pari a 3,5 transazioni per trimestre, poco più di una al mese. Tra gli acquisti effettuati online troviamo al primo posto i libri (16,5% del campione).

Tra le preferenze degli eShopper ci sono anche i capi di abbigliamento (12%), i biglietti di viaggio (11,3%), le ricariche telefoniche (8,2%). “Nel giro di tre anni la ‘internet economy’ registrerà una crescita annua tra il 13% e il 18%, raggiungendo un valore di 59 miliardi di euro, quasi il doppio rispetto ai 31 miliardi del 2010. Il contributo che il web fornirà all’economia dell’Italia nel 2015 oscillerà tra il 3,3% e il 4,3% del Pil”, spiega Roberto Lisca, presidente di Netcomm sottolineando che il consorzio ha promosso un ‘Sigillo’ che certifica sicurezza e affidabilità dei siti di eCommerce a tutela dei consumatori e ha recentemente varato un Codice di Autoregolamentazione relativo alle modalità di comunicazione e diffusione degli sconti e delle comparazioni dei prezzi online.

Internet e’ il mezzo con il massimo tasso di incremento dell’utenza tra il 2011 e il 2012 (+9%), arrivando al 62,1% degli italiani (erano il 27,8% dieci anni fa, nel 2002). E’ quanto emerge dal decimo Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione, promosso da 3 Italia, Mediaset, Mondadori, Rai e Telecom Italia, presentato oggi a Roma presso la Sala Capitolare del Senato da Giuseppe De Rita e Giuseppe Roma, Presidente e Direttore Generale del Censis, e da Renato Schifani, Presidente del Senato della Repubblica.

Il dato sale nettamente nel caso dei giovani (90,8%), delle persone piu’ istruite, diplomate o laureate (84,1%), e dei residenti delle grandi citta’, con piu’ di 500.000 abitanti (74,4%). Gli iscritti a Facebook passano dal 49% dello scorso anno all’attuale 66,6% degli internauti, ovvero il 41,3% degli italiani e il 79,7% dei giovani. YouTube, che nel 2011 raggiungeva il 54,5% di utenti tra le persone con accesso a Internet, arriva ora al 61,7%, pari al 38,3% della popolazione complessiva e al 79,9% dei giovani.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore