Oracle, 10 acquisizioni, e poi?

News

Dopo l’acquisizione di Siebel, Larry Ellison, ceo di Oracle, spiega strategie e obiettivi della società.

Con Siebel, una operazione finanziaria dal valore di 5.85 miliardi di dollari, Oracle diviene il principale fornitore mondiale di soluzioni di customer relationship management (Crm). Siebel porta in dote la bellezza di oltre quattromila imprese che usano applicazioni per un totale di 3.4 milioni di utilizzatori di soluzioni Crm. Manca ancora l’approvazione degli azionisti, ma il consiglio di amministrazione e il ceo hanno dato la loro approvazione all’acquisto, che dovrebbe essere completato nei primi mesi del 2006.
Dopo Peoplesoft, per Oracle si tratta ancora una volta di una acquisizione molto rilevante, che le permette di competere da una posizione di maggior forza contro Salesforce. Ellison, nella sua dichiarazione, volta a rassicurare clienti e investitori, ha detto che per ora non sono previsti ulteriori acquisti e che l’azienda si concentrerà sull’integrazione del nuovo arrivo. Che in realtà non è solo, dato che proprio in questi giorni Oracle ha annunciato l’acquisto di G-log, azienda specializzata in logistica e in software per l’analisi della supply chain.
Ellison sostiene che attualmente la sua società vale 15 miliardi di dollari, e l’obiettivo che si prefigge è raddoppiare il suo valore nel giro di breve tempo, mantenendo margini operativi nell’ordine del 40%.
Un obiettivo difficile, ma non irragiungibile. Oracle, trainata da Ellison, ha sicuramente la forza e soprattutto la determinazione per poterlo raggiungere.